Homepage di Nienteansia.it

Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

[Citazione del momento]
Tutta l'infelicità degli uomini deriva da una cosa sola: dal non sapersene stare tranquilli in una stanza. Blaise Pascal
Viagra online

Sviluppi traumatici

category Psicologia Giuseppe Maria Silvio Ierace 21 Ottobre 2011 | 13,378 letture | Stampa articolo |
0 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 5 (voti: 0 , media: 0.00 su 5)
Devi effettuare il login per votare.
Loading ... Loading ...

Abusi, maltrattamenti, o semplice trascuratezza emotiva (neglect), influenzano negativamente lo sviluppo mentale, facendolo evolvere in una generica vulnerabilità a vari disturbi psicopatologici. Alcuni autori (Herman 1992, van der Kolk  et al. 2005) avrebbero circoscritto in una specifica sindrome la condizione che intacca in particolar modo le funzioni integratrici della coscienza e della memoria.
Il tentativo di assimilare i frammenti mnesici in una sintesi che consenta la “presentificazione” ha indotto, a volte, falsi ricordi, con conseguenti infondate accuse di abusi e maltrattamenti, destinati a sollevare delicate problematiche medicolegali (Loftus 2003). La produzione di tali memorie falsate dipende, con buona probabilità, dalla propensione a fantasticare tipica di ciascuno, e non piuttosto dal trauma o dalla dissociazione ad esse ricollegabili, e ancora meno forse da un intervento psicoterapeutico, per quanto incauto possa rivelarsi (Dalenberg & Palesh 2010). La ricerca ossessiva di prove, o la ricostruzione approssimativa di vicende storiche poco chiare, neppure intesa a convalidare delle esperienze personali, non rientra difatti tra gli scopi della psicoterapia. Se poi, alla verità accertabile, subentrano dubbi e incertezze sui reali accadimenti, il rischio dell’investigazione è persino di essere decisamente controproducente (Dalenberg & Palesh 2010). Del resto, un’impossibile ricerca di verità va tollerata almeno quanto l’angoscia del dubbio o la perplessità dell’incertezza, nella considerazione che un eccesso di fiducia nei ricordi potrebbe rivelarsi un allontanamento dall’obiettività e, dunque, un’ipotizzabile certificazione di menzogne.
La vulnerabilità a sviluppare dal trauma un disturbo psicopatologico usufruirebbe di fattori protettivi (resilience) in grado di resistere alle avversità (Bertetti 2008). Il termine anglosassone, che suggerisce flessibilità ed elasticità, è stato preso in prestito dal linguaggio della fisica, indicando infatti quella capacità di un materiale di assorbire urti senza subire persistenti deformazioni. In psicologia assume il valore di dinamico adattamento ad ogni significativa fonte di tensione, con il quale si oppone uno sforzo cosciente, nell’affrontare avversità, pressioni, traumi, tragedie, o minacce, oneri, frustrazioni, al fine di risolvere problemi personali e interpersonali, tentando di  tollerarne i conflitti e minimizzarne lo stress che ne deriva. Nel produrre l’emersione di tali fattori protettivi, l’evento traumatico verrebbe addirittura trasformato positivamente in un’esperienza formativa. Ma, trattandosi di un processo suscettibile di sviluppo, piuttosto che un tratto stabile della personalità (Rutter 2008), le sue variabili sono numerose, e sia di tipo psicobiologico, sia socioculturale.

Wen-ShingTseng, nel suo “Manuale di psichiatria culturale” (edizione italiana a cura di G. Bartocci, Cic edizioni internazionali, Roma 2003), a proposito delle strategie di coping culturalmente determinate in alcune società, con effetti che si ripercuotono sui risultati delle psicoterapie, cita il detto popolare cinese “Sai-weng-zhi-ma”, il cavallo del vecchio signor Sai. Nel racconto la sorte del vecchio signor Sai mutava a seconda delle circostanze, ed, in ogni frangente, al lato sfavorevole si opponeva il risvolto positivo, e viceversa. Quando perse il cavallo domestico, gli amici sentirono il dovere di confortarlo, ma il vecchio non si scompose più di tanto. Il cavallo perduto infatti tornò in compagnia di un altro quadrupede selvatico. Gli amici stavolta si congratularono, ma il signor Sai non trovò in ciò niente di buono. Quando il figlio tentò di cavalcare il selvaggio, venne disarcionato e restò zoppo, ed ancora una volta gli amici tornarono a consolarlo, e Sai rispose che non c’era di che dolersene. A causa di questa invalidità il figlio venne esonerato dall’andare a combattere e rischiare così di perdere la vita.
Il proverbio cinese ricorda l’imprevedibilità dell’esistenza, nel corso della quale si può andare incontro ad accadimenti, che di per sé sono sempre neutri, ai quali è però la nostra personale visione filosofica che, senza mai dimenticarne i risvolti di segno opposto, deve fornire al momento giusto la coloritura più idonea per facilitarne la, più o meno, rassegnata accettazione (Tseng, Lu e Yin, 1995). Ricavare elementi positivi da eventi negativi, insieme con strategie di evitamento, minimizzazione, distanziamento, attenzione selettiva, o confronto positivo, si annovera tra gli stratagemmi emotivi (coping) posti in essere per risolvere i problemi e le difficoltà in cui ci si può imbattere (Lazarus & Folkman 1984). Alcuni di questi programmi sono diretti all’ambiente, nel tentativo di modificarne pressioni, barriere, risorse, procedure, altri progetti, diretti espressamente all’io, si poggiano su dei mutamenti motivazionali o cognitivi, quali la modificazione del livello di aspirazione, la riduzione del coinvolgimento dell’io, la ricerca di canali alternativi di gratificazione, lo sviluppo di nuovi standard di comportamento, oppure l’apprendimento di nuove capacità e procedure.

Il maggior fattore di “resilienza” sembra essere la sicurezza nell’attaccamento precoce del bambino (Dozier & Rutter 1999, Berlin et al 1999). In seguito, l’adesione ad un credo religioso o la pratica di una qualche forma di spiritualità, proteggono altrettanto bene dagli effetti patogeni dell’esperienza traumatica (Granqvist & Kirkpatrick 1999). “Forse, ogni profonda e sincera ricerca di senso esistenziale anche dopo aver subìto esperienze avverse gravemente traumatiche – scrivono Giovanni Liotti e Benedetto Farina in “Sviluppi traumatici” (Raffaello Cortina, Milano 2011)- è un fattore che facilita, nell’adulto, lo sviluppo della resilience”.
Questi stessi autori suggeriscono una “seconda fonte di riflessione”, relativa al contrasto offerto da parte della creatività nei confronti degli effetti patogeni di un evento traumatico, impedendo di precipitare in quell’abisso assurdo dell’alienazione post-traumatica, da Voltaire  definito come “nulla sepolcrale”. “…Squallidi disquisitori delle miserie umane,/anziché consolarmi, le mie pene rendete ancor più/ amare;/ e in voi non vedo che lo sforzo impotente/ di indomito ferito che vuol dirsi contento… E voi ricomponete, da questo caos fatale,/ dal male di ogni essere, la gioia generale?… Il passato non è che spiacevole ricordo,/ oscuro è il presente se non c’è avvenire,/ se il nulla sepolcrale distrugge l’io pensante./ Tutto ben sarà un giorno: è questa la speranza?/ tutto oggi è bene: è questa l’illusione./ I saggi mi ingannavan, solo Dio ha ragione…” (François  Marie Arouet de Voltaire: “Poema sul disastro di Lisbona” – 1755 – o “analisi della filosofia del Tutto è bene”, traduzione di Francesco Tanini).

La vulnerabilità psicologica può essere il risultato di modelli di sviluppo della personalità forgiati dalla cultura. I piccoli che vivono stati di abbandono, a causa delle scarse cure materne, da adulti, divengono caratterialmente propensi ad arrendersi facilmente di fronte alle avversità, per via della loro bassa soglia di tolleranza alla frustrazione.
Uno dei modi migliori per illustrare il condizionamento di coping si ricava dalle modalità di reazione al dolore, considerato uno stress psicosomatico al quale si risponde individualmente in maniera diversa, a seconda della sensibilità, della soglia di percezione nocicettiva, dei tratti di personalità e delle particolari necessità di far fronte alla sofferenza. Strategie psichiche “confrontazionali” (a partire dall’affermazione dell’esistenza del problema), quali azioni dirette (cercare aiuto, richiesta di sollievo), o ricerche di notizie, oppure non-“confrontazionali”, o ancora progetti rivolti a reprimere l’azione, il coinvolgimento, i moti di sofferenza, ovvero diffidenza verso i palliativi, preoccupazione, ecc. sono pattern di reazione culturalmente condizionati.
Fattori socio-culturali influenzano la valutazione dei problemi e la medesima percezione dello stress, a seconda delle circostanze di vita o dell’atteggiamento verso  gli inconvenienti. Non sarebbe dunque l’evento in sé, ma la valutazione soggettiva che se ne fa ad avere un impatto psicologico diretto e pesare grandemente sulle conseguenze patologiche degli sviluppi traumatici.
Eventi stressanti possono, inoltre, influire nell’insorgenza di gravi malattie. La specificazione dei tipi di eventi, da alcuni studiosi, verrebbe persino rapportata a determinati disturbi circostanziati. Casi di cardiopatie sarebbero riconducibili ad accadimenti in ambito lavorativo (Theorell 1976); l’infarto, ad esempio, si presenterebbe “ad un anno” di distanza dall’incremento di responsabilità professionali (Theorell 1974). Una categoria di circostanze in cui avviene un abbandono (separazione dal coniuge, divorzio, morte di un parente stretto, trasloco da parte di alcuni membri della famiglia, matrimonio dei figli, ecc.) è fortemente correlata con l’esordio depressivo (Paykel E. S. 1974). Altri ricercatori hanno fatto un’empirica distinzione tra eventi di “perdita” e quelli di “pericolo”, riconducendo genericamente ai primi la depressione ed ai secondi i disturbi ansiosi (Finlay-Jones & Brown 1981).

Il programma di ricerca della developmental psychopathology si occupa di indagare quelle caratteristiche dei contesti interpersonali in cui affondano le loro radici gli “sviluppi traumatici”, sempre però nell’ambito di quei rapporti funzionali, innescati dall’esposizione alla minaccia, tra i vari sistemi coinvolti, secondo l’organizzazione gerarchica della loro specifica architettura, attaccamento da una parte e dall’altro gli arcaici meccanismi di difesa: fight, flight, posture, freeze, submit.
I problemi più importanti da affrontare, nel corso del trattamento, derivano direttamente da quella persistente sensazione di essere trascurati, dalla paura di abbandono emotivo, come pure dalla perdita di fiducia nella relazione di aiuto.
I termini spregiativi di “iper-dissociativismo” e “pan-traumatismo” (Williams 2009), che alludono ad una distorsione metodologica, racchiudono eloquentemente la critica che, con maggiore frequenza, viene mossa a quanti riconoscono nel trauma l’etiopatogenesi di una disparata varietà di disturbi psicopatologici: da quelli dissociativi, ai quali, secondo alcuni autori, manca un’etiologia traumatica certa (Kihlstrom 2005), al disturbo borderline di personalità, per cui pur sussiste il dubbio sul ruolo delle memorie traumatiche (Paris 1998, Watson et al. 2006), ma la cui forte rilevanza ha fatto ipotizzare uno “spettro” di disturbi (organizzato e disorganizzato) di personalità post-traumatici (Classen et al. 2006); dai disturbi da attacchi di panico, con o senza agorafobia (Gulsun et al. 2007, Marshall et al. 2000, Michelson et al. 1998, Pastucha et al. 2009), al disturbo ossessivo compulsivo (Fontenelle et al. 2007, Grabe et al. 1999, Lochner et al. 2004, Rufer et al. 2006); dai disturbi da uso di sostanze (Anda et al. 2002, Dube et al. 2002, Edwards et al. 2006 Enoch 2006,  Johnson et al. 2010) ai disturbi del comportamento alimentare ( Ardovni 2006, Fuller-Tyszkiewicz  & Mussap 2008, La Mela et al. 2010, McShane & Zirkel 2008,  Vanderlinden & Vandereycken 1997); dai disturbi somatoformi (Roelofs et al. 2002, Sar et al. 2004, Spitzer et al. 2008) ai disturbi dell’umore (Garno et al. 2005, Lewis et al. 2010, Lu et al. 2008, Thase 2009, Weich et al. 2009, Wills & Goodwin 1996); da generiche turbe ansiose (Fontenelle et al. 2007, Warshaw et al. 1993) alle franche psicosi (Conus et al. 2009, Moskowitz et al. 2008, Read et al. 2005, Ross 2009, Spauwen et al. 2006), fino alla valutazione dello sviluppo traumatico quale fattore di rischio psicosomatico (Dong, Anda et al. 2004, Dong, Giles et al. 2004, Dube et al.2009, Felitti 2009).
Nella pratica clinica usuale esiste, comunque, qualche difficoltà  nel diagnosticare i sintomi dissociativi, innanzitutto per la maggiore prevalenza di altri aspetti psicopatologici, che distolgono l’attenzione dai segni predittivi degli “sviluppi traumatici”. La sintomatologia ansiosa o depressiva si dimostra più costante e molto meno ondivaga dei multiformi sintomi dissociativi.
Il più delle volte, il soggetto non riesce a far riferimento a sintomi quali quelli di “compartimentazione”, come amnesia o stati non integrati dell’io, di cui proprio non ha coscienza, oppure teme di denunciare esperienze perturbanti, quali la “depersonalizzazione”, da cui viene letteralmente terrorizzato, per evitare di essere etichettato pregiudizialmente come alienato. La “verbalizzazione” di tali esperienze dissociative è particolarmente difficile, perché costringe a ricorrere frequentemente ad allusioni, metafore, similitudini (“come se…”), in ogni caso, poco chiare, impalpabili, e non sempre decisamente specifiche o forse neppure pertinenti.

Due differenti classi di sintomi clinici contribuiscono alla distinzione tra due tipi fondamentali (Holmes et al. 2005) di dissociazione: detachment (distacco) e compartmentalization (compartimentazione). I primi rinviano direttamente all’esperienza si sentirsi estraniati dalle proprie emozioni, dal proprio corpo, dal senso di realtà familiare, dall’identità stessa. Questa “alienazione” è quella che definisce meglio la perturbante alterazione dell’esperienza del mondo circostante (derealizzazione) e della coscienza individuale (depersonalizzazione), quella cosiddetta cioè “in prima persona”, o coscienza “fenomenica”, da distinguere dalla coscienza “cognitiva”, “di accesso”, o “in terza persona” (Di Francesco 2000). La coscienza fenomenica si caratterizza per l’evidente natura qualitativa, “preverbale”, dei suoi componenti (qualia), come sensazioni, sentimenti, emozioni, immagini mentali, tra cui soprattutto l’immagine corporea (Damásio 1999). Se è vero, come qualcuno sostiene (Albasi 2009), che il primo effetto patogeno del trauma è quello di “far perdere la confidenza con l’esperienza interna”, i sintomi di detachment (distacco, alienazione) esprimerebbero maggiormente l’effetto psicopatologico disintegrativo delle esperienze traumatiche. Mentre i sintomi dissociativi di compartimentazione (compartmentalization) sarebbero invece propri della coscienza cognitiva, “in terza persona”, oppure “di accesso”, in quanto i suoi componenti sono “verbali”, ovvero rappresentati da immagini mentali alle quali si ha, appunto, “accesso” attraverso la verbalizzazione. Paradigmatici di compartmentalization sono l’amnesia dissociativa, in cui il processo dissociativo non rende più accessibile il ricordo, e gli stati non integrati dell’io, in cui lo sviluppo traumatico impedisce la sintesi di significati in grado di fornire coerenza alla rappresentazione semantica della propria storia personale.

Transitori, o episodici, possono rivelarsi gli eventi tali da evocare forti emozioni ed interrompere così il collegamento fra i livelli funzionali sovrapposti ed integrati, secondo la tesi esposta da Pierre Janet già ne “L’Automatisme Psychologique”  (1889), la quale interpreta la “dissociazione” come un cedimento strutturale, secondo il classico schema di John Hughlings Jackson, nell’ordinamento gerarchizzato delle funzioni cerebrali.
La condizione di ottundimento emotivo, emotional numbing di Holmes e collaboratori (2005), può perdurare dopo il trauma con una gradualità che dal sopportabile può toccare gli estremi dell’annichilimento e della cosiddetta “morte interiore”.
All’interno di un disturbo dissociativo, o caratteropatico, ricollegabile a sviluppi traumatici, potrebbe fare la sua comparsa un’altra modalità di depersonalizzazione, detachment, sotto forma di “assenza”, irrealtà, vuoto mentale terrifico, fascinazione, incantamento (“blank spell”), talmente intollerabile da richiedere una riappropriazione dell’esperienza di sé autolesiva, con induzione di ferite da taglio, ustioni e tutto ciò che, attraverso il dolore, possa procurare l’impressione di “esserci” (Linehan 1993, Nock 2010).
La sensazione di estraneità a se stessi può presentarsi come esperienza di passività, o di perdita della consapevolezza di costituire i soggetti delle proprie azioni e di essere in grado di controllarle (self-agency). Marlene Steinberg e Maxine Schnall l’hanno definita , nel 2001, con la felice espressione: “The Stranger in the Mirror”, che dà il titolo al loro lavoro su ciò che descrivono come “The Hidden Epidemic”.
Altre volte, la depersonalizzazione patologica si esprime con la sensazione di distacco dal corpo o da sue parti, non si sa fino a che punto assimilabile alle modificazioni dell’immagine corporea, proprie del dismorfismo, e del disturbo del comportamento alimentare (dismorfofobia).
Un ulteriore stato di alienazione, depersonalizzazione, corrisponde alla percezione di distacco fisico, allontanamento materiale dal proprio corpo, tanto da poterlo osservare come in uno specchio, analoga all’autoscopia ed all’“out of body experience”, causate da processi di disintegrazione delle funzioni cerebrali superiori (Blanke et al. 2004).
La “derealizzazione” è un detachment dall’esperienza della realtà esterna, durante la quale si ha l’impressione di separazione dal mondo circostante, divenuto intangibile, irreale, “piatto”, “senza colore”, “senza vita”, “come le cose e le persone di un sogno” (Brown 2006). Può trattarsi di fenomeni di dispercezione, in cui gli oggetti cambiano forma (metamorfopsie), contorni (disopsie), misura (micropsia, macropsia), come può avvenire sotto l’effetto di diverse droghe psicoattive, oppure in cui non si riconoscono luoghi (agnosie) e persone familiari (prosopoagnosie, prosopometamorfopsie), come accade nell’illusione del sosia, o sindrome di Capgras. Altri sintomi di distacco  sono le alterazioni della vigilanza: quantitative (torpore, sopore, “svenimento”, o pseudo-crisi), qualitative (disorientamento, trance estatica, stati crepuscolari, oniroidi, ipnoidi, confusionali).
Il processo dissociativo, indotto dal trauma, può essere di ostacolo alle operazioni di sintesi, integrazione e regolazione degli stati dell’io, finalizzate a procurare un senso coeso e unitario del sé, evidenziando allora la coesistenza di stati diversi dell’io, oppure manifestando “fughe”, caratterizzate da confusione circa la propria identità, amnesie, o ancora distorsioni della memoria.

L’emergenza di ricordi traumatici infantili, dimenticati e dissociati, si potrebbe accompagnare ad una falsa memoria degli avvenimenti. Oltre che configurarsi come “sindrome del falso ricordo” (Taub 1999), in cui le relazioni si incentrano tutt’attorno alla rievocazione di un evento ritenuto reale, la compartimentazione potrebbe produrre una dissociazione, ad esempio, tra i vari tipi di memoria, semantica o episodica. La prima, contraddistinta da significati generali applicabili indipendentemente dai singoli ricordi, contribuisce alla descrizione generale che ciascuno costruisce di sé, l’altra, caratterizzata da una precisa collocazione spaziotemporale degli engrammi mnesici, fornisce le narrazioni autobiografiche della storia personale dell’individuo (Tulving 1985).

Il disturbo dissociativo dell’identità è un’altra forma di compartimentazione, in cui la scomposizione degli stati dell’io non è disorganizzata, ma si aggrega in “alter” ego, alternanti, multipli, i quali possono rappresentare vere e proprie identità dissociate, oppure si hanno modificazioni di stato dell’io, parziali, incomplete, subdole, che si esprimono con comportamenti particolari, legati a singoli aspetti della personalità, ciascuno dotato di un proprio senso di sé (van der Hart et al. 2006). Una tale sintomatologia va distinta, in diagnostica differenziale, dai deliri d’influenzamento, dalle allucinazioni o dalle fluttuazioni dell’umore dei disturbi bipolari a cicli rapidi.

“Gli stati dell’io non integrati – chiariscono Giovanni Liotti e Benedetto Farina in “Sviluppi traumatici” (Raffaello Cortina, Milano 2011)- sono caratterizzati da atteggiamenti e rappresentazioni di sé divergenti, che non riescono praticamente mai ad avere accesso simultaneo alla coscienza dove le operazioni metacognitive potrebbero permettere la costruzione di strutture di significato capaci di creare una forma di coesione se non di coerenza fra loro”.

Questi stati però sono pure peculiari del disturbo borderline di personalità, ed in tal caso la teoria psicoanalitica li attribuisce al meccanismo di difesa dello splitting (scissione), psicodinamicamente diverso dalla “dissociazione”, che, come dice  Philip M. Bromberg, in “Awakening the Dreamer: Clinical Journeys” (2006), “entra in azione perché il conflitto è intollerabile… non perché è spiacevole”.

 

Ellert R. S. Nijenhuis (2009) ha elaborato la dizione “dissociazione somatoforme”, argomentando come sintomi dissociativi e somatoformi trovino negli sviluppi traumatici comuni radici, sia in accordo con la classica teoria dell’isteria di Pierre Janet, sia con le prime concezioni freudiane.
“Paralisi e contratture isteriche possono essere provocate dalla suggestione ipnotica e questi prodotti artificiali hanno, fin nei minimi dettagli, le stesse caratteristiche degli attacchi isterici spontanei che spesso vengono provocati da un trauma” (Sigmund Freud: “Autobiografia”, 1924).

La sintomatologia dissociativa somatoforme, per alcuni autori (Decety & Lamm 2007, Haven 2009) sarebbe da riconnettere, piuttosto che alla mancata superiore regolazione sui sistemi inferiori (top-down), ad un comune deficit integrativo di tipo bottom-up: difetto di integrazione dei dati provenienti dai centri nervosi inferiori, sedi delle afferenze somato-viscerali (bottom), con le facoltà riflessive e le modalità di rappresentazione della coscienza (up). Ad essere coinvolti nella dissociazione somatoforme, da un lato, volizione e memoria esplicita, dall’altro, gli schemi percettivo-motori che contribuiscono a formare lo schema corporeo, l’immagine sociale, nonché ad avvertire dello stato emotivo. La dissociazione somatoforme, pertanto, comprende sia sintomi di conversione, che sindromi dolorose psicogene e somatizzazioni (sindrome di Briquet).

Le più comuni somatizzazioni di origine postraumatica sono i disturbi a carico del sistema gastrointestinale, muscolo-scheletrico (dolori lombari), genitourinario (minzione dolorosa, dispareunia, vaginismo, menorragie, disfunzione erettile, indifferenza sessuale…). Nella conversione sono alterati invece controllo e consapevolezza di funzioni motorie volontarie e sensitive, con conseguenti: pseudoparalisi, pseudo-crisi, disturbi dell’equilibrio (astasia-abasia), deficit sensoriali e neurologici in genere, transitori e reversibili.

A proposito dell’evoluzione psicobiologia dello stress postraumatico Bessel A. van der Kolk (1994) ha coniato: “the body keeps the score”, per sottolineare come la componente implicita (somatica) della memoria, dissociata dagli eventi causali, ricordi ciò che la mente ha dimenticato.

Va rilevato che le aree cerebrali deputate all’elaborazione cognitiva del dolore fisico si attivano parimenti nel caso del dolore provocato da problemi relazionali (Eisenberger et al. 2007, 2006, 2003). Sarebbe tale sovrapposizione a determinare la modulazione sul dolore fisico da parte della rete interpersonale.

“Curioso come il dolore fisico, anche quando ha causa stabile, se non peggio indeclinabile, si possa attenuare e crescere, mutare di intensità e qualità, secondo le occasioni e gli incontri” (Leonardo Sciascia “Il Cavaliere e la morte”, 1988).

Giovanni Liotti e Benedetto Farina in “Sviluppi traumatici” (Raffaello Cortina, Milano 2011) ammettono che i processi disintegrativi potrebbero agire confondendo l’origine dell’esperienza vissuta come minacciosa, arrivando a procurare così un dolore localizzato ed identificato come prodotto da cause materiali, mentre in realtà sarebbe da attribuire a particolari condizioni relazionali.

 

Il livello più alto di controllo cosciente (highest level di jacksoniana memoria) corrisponderebbe alle funzioni metacognitive (Dimaggio & Lysaker 2010, Falcone et al. 2003) o di “mentalizzazione” (Allen et al. 2008, Fonagy & Target 2008) e pertanto sono esse le più sensibili all’effetto delle emozioni , qualora queste ne minassero le modalità operative con eccessiva veemenza (Liotti & Prunetti  2010). Tali deficit  metacognitivi intaccano l’autoreflessività, l’integrazione della compartimentazione, il mastery profilattico di depersonalizzazione, con perdita del senso di self-agency.

La difficoltà di percepire ed identificare gli stati emotivi (alessitimia) viene associata a diversi tratti di personalità ed a varie condizioni di sviluppo, come alle esperienze traumatiche interpersonali dell’infanzia, soprattutto neglect ed abuso (Helling 2009, Mclean 2006). La sua patogenesi viene attribuita ad uno stato di compartimentazione strutturale della personalità, in cui mancano le facoltà mentali superiori di rappresentazione e di esecuzione, e l’integrazione delle informazioni relative alle variazioni dello stato corporeo, prodotte dalle emozioni (Clayton 2004, Decety & Moriguchi 2007, van der Hart et al. 2006). Essendo correlato a dissociazione, disregolazione emotiva e somatizzazioni, il livello di alexitimia risulta elevato soprattutto nella variante “complessa” del disturbo postraumatico da stress (McLean et al. 2006).

Talvolta, è stata riconosciuta un’apparente dissociazione fra percezione di sé e del mondo in un dato momento e registrazione di tale percezione nella memoria autobiografica. Esperienze riferite come di distacco emozionale possono coesistere con sintomi di compartimentazione dissociativa, per l’impedito accesso alla memoria delle emozioni provate. Altra correlazione importante, sia in caso di presenza sia in quello di tendenza alla dissociazione, riguarda la capacità di concentrazione, nel senso cioè di riuscire ad escludere dall’attenzione, e dunque dalla coscienza, gli stimoli irrilevanti e quelli disturbanti (De Prince & Freyd 2004, De Marni Cromer et al. 2006).

Si è proposto di interpretare la dissociazione, non come un taxon categoriale (Ogawa et al. 1997), ma come il polo di un continuum in cui all’estremità opposta persistano degli spostamenti d’attenzione fisiologici, quelli che permettono cioè una normale concentrazione, proprio grazie all’esclusione delle informazioni disturbanti (Bromberg 1998, 2006).

Il rapporto tra trauma e dissociazione sarebbe, comunque, multifattoriale (Giesbrecht Mercklebach 2008), piuttosto che lineare (Kihlstrom 2005), e sono sufficienti, in età infantile, esperienze di grave mancanza di sintonia comunicativa ad innescare il processo dissociativo, mentre, a volte traumi importanti non lo avvierebbero. Da qui il maggior rilievo da dare al contesto interpersonale, da cui è partita la reazione patologica all’evento, inquadrabile nella cornice della teoria dell’attaccamento di John Bowlby (1969, 1988). Come scrive Philip M. Bromberg, in “Standing in the Spaces: Essays on Clinical Process, Trauma, and Dissociation” (1998): “il fantasma senza pace di Pierre Janet, scacciato dal castello da Sigmund Freud un secolo fa, ritorna oggi per tormentare i suoi discendenti”. Anche Henri Ellenberger (1970) ha posto in risalto i grandi meriti anticipatori di Pierre Janet e ne ha riconosciuto l’importanza, paragonandolo a “Pompei”, col definire la sottovalutata influenza della sua opera “una grande città sepolta sotto le ceneri…”.
Non tanto forse ai clinici, quanto agli psicoterapeuti, pragmaticamente, importa più riconoscere e comprendere l’impatto culturale (Tseng 2003) sui modelli di reazione cui fa ricorso il singolo individuo per fronteggiare lo stress.
Giuseppe M. S. IERACE

 

Bibliografia essenziale:
Albasi C.: “Psicopatologia e ragionamento clinico”, Raffaello Cortina, Milano 2009
Allen J. G., Fonagy P., Bateman A. W.: “Mentalizing in Clinical Practice” American Psychiatric Publishing, Washington, DC 2008
Anda R. F., Whitfield C. L., Felitti V. J. Chapman D., Edwards V.J., Dube S.R., Williamson D. F.: “Adverse childhood experiences, alcoholic parents, and later risk of alcoholism and depression”, Psychiatric Services, 53, 8, 1001-1009, 2002
Ardovini C.: “Immagine corporea e prospettiva cognitivo evoluzionista”, Psicobiettivo, 2, 50-58,  2006
Baroncini P. & Dionigi A.: “Vecchie e nuove dipendenze”, Clueb, Bologna 2010
Berlin L. J., Zeanah C. H., Lieberman A. F.: “Prevention and Intervention Programs for Supporting Early Attachment Security”,  in Cassidy J.& Shaver P. (editors): “Handbook of Attachment: Theory, Research, and Clinical Applications”, The Guilford Press, New York 1999
Bertetti B.: “Oltre il maltrattamento. La resilienza come capacità di superare il trauma”, Franco Angeli, Milano 2008
Blanke O., Landis T., Spinelli L., Seeck M.: “Out-of-body experience and autoscopy of neurological origin”, Brain, 127, 2, 243-258, 2004
Bowlby J.: “ Attachment. Attachment and Loss”, Hogarth, London 1969
Bowlby J. : “A Secure Base: Clinical Applications of Attachment Theory”, Routledge, London 1988
Bromberg P. M.: “Awakening the Dreamer: Clinical Journeys”, Analytic Press, New Jersey 2006
Bromberg P. M.: “Standing in the Spaces: Essays on Clinical Process, Trauma, and Dissociation”, The Analytic Press, Hillsdale, NJ 1998
Brown R. J.: “Different types of ‘dissociation’ have different psychological mechanisms”, Journal of Trauma and Dissociation, 7, 4, 7-28, 2006
Cassidy J.& Shaver P. (editors): “Handbook of Attachment: Theory, Research, and Clinical Applications”, The Guilford Press, New York 1999
Classen C. C., Pain C., Field N.P., Woods P.: “Posttraumatic personality disorder: A reformulation of complex posttraumatic stress disorder and borderline personality disorder”, Psychiatric Clinics of North America, 29, 1, 87-112, 2006
Clayton K.: “The interrelatedness of disconnection: The relationship between dissociative tendencies and alexithymia”, Journal of Trauma and Dissociation, 5, 77-101, 2004
Conus P., Cotton S., Schilmmelmann B. G., McGorry P. D., Lambert M.: “Pretreatment and outcome correlates of sexual and physical trauma in an  epidemiological cohort of first-episode psychosis patients”, Schizophrenia Bulletin, 36,1105-1114, 2009
Dalenberg C. & Palesh O.: “Scientific progress and methodological issues  in the study of recovered and false memories of trauma”, in Lanius R. A., Vermetten E., Pain C. (editors): “The Impact of Early Life Trauma on Health and Disease: The Hidden Epidemic”, Cambridge University Press, New York  2010
Damásio A. R.: “The Feeling of What Happens: Body and Emotion in the Making of Consciousness”, Harcourt, New York 1999
Decety J. & Lamm C.: “The role of the right temporoparietal junction in social interaction: How low-level computational processes contribute to meta-cognition”, Neuroscientist, 13, 6, 580-593, 2007
Decety J. & Moriguchi Y.: “The empathic  brain and its dysfunction in psychiatric populations: Implications for intervention across different clinical conditions”, Biopsychosocial Medicine, 1, 22, 2007
Dell  P. F.& O’Neil J. A. (editors): “Dissociation and the Dissociative Disorders: DSM-V ad Beyond”, Routledge, New York 2009
De Marni Cromer L., Stevens C., De Prince A., Pears K.: “The relationship between executive attention and dissociation in children”, in De Marni Cromer & De Prince A. (editors): “Exploring Dissociation Definitions, Development and Cognitive Correlates”, Haworth Medical Press, Binghampton, NY 2006
De Prince A. P. & Freyd J. J.: “Forgetting trauma stimuli”, Psychological Science, 15, 7, 488-492, 2004
Di Francesco M.: “La coscienza”, Laterza, Roma-Bari 2000
Dimaggio G. & Lysaker P. H.: “The metacognitive system: Theory, evidence and implications for treatment”, in Dimaggio G. & Lysaker P. H. (editors): “Metacognition and Severe Adult Mental Disorders: From Basic Research to Treatment”, Routledge, London 2010
Dong M., Anda R. F., Felitti V.J., Dube S. R., Williamson D. F., Thompson T. J., Loo C. M., Giles W. H.: “The interrelatedness of multiple forms of childhood abuse, neglect, and household dysfunction”, Child Abuse and Neglect, 28, 7, 771-784, 2004
Dong M., Giles W. H., Felitti V.J., Dube S. R., Williams J. E., ChapmanD. P., Anda R. F.: “Insights into casualpathways for ischemic heart disease: adverse childhood experiences study”, Circulation, 110, 13, 1761-1766, 2004
Dozier M. & Rutter M.: “Challenges to the Development of Attachment Relationships Faced by Young Children in Foster and Adoptive Care”, in Cassidy J. & Shaver P. (editors): “Handbook of Attachment: Theory, Research, and Clinical Applications”, The Guilford Press, New York 1999
Dube S. R., Anda R. F., Felitti V. J., Edwards V. J., Croft J. B.: “Adverse Childhood experiences and personal alcohol abuse as an adult”, Addictive Behaviors, 27, 5, 713-725, 2002
Dube S. R., Fairweather D., Pearson W. S., Felitti V. J., Anda R. F., Croft J. B.: “Cumulative childhood stress and autoimmune diseases in adults”, Psychosomatic Medicine, 71, 2, 243-250, 2009
Edwards C., Dunham D., Ries A., Barnett J.: “Symtoms of traumatic stress and substance use in non-clinical sample of young adults”, Addictive Behaviors, 31 (11), 2094-2104, 2006
Ellenberger H.: “The Discovery of the Unconscious: The History and Evolution of Dynamic Psychiatry”, Basic Books, New York 1970
Enoch M. A.: “Genetic and environmental influences on the development of alchoholism: Resilience vs risk”, Annals of New York Academy of Science, 1094, 193-201, 2006
Eisenberger N. I., Gable S.L., Lieberman M. D.: “Functional magnetic resonance imaging responses relate to differences in real-world social experience”, Emotion, 7, 4,  745-754, 2007,
Eisenberger N. I., Jarcho J. M., Lieberman M. D., Naliboff B.D.: “An experimental study of shared sensitivity to physical pain and social rejection”, Pain, 126, 1-3132-138, 2006
Eisenberger N. I., Lieberman M. D. , Williams K. D.: “Does rejection hurt? An fMRI study of social exclusion”, Science, 302, 5643, 290-292, 2003
Falcone M., Marraffa M. A., Carcione A.: “Metarappresentazione e psicopatologia”, in Dimaggio G. & Semerari A. (a cura di): “Disturbi di personalità: modelli e trattamento”, Laterza, Roma-Bari 2003
Felitti V. J.: “Adverse childhood experiences and adult health”, Academic Pediatrics, 9, 3, 131-132, 2009
Finlay-Jones R.& Brown G. W.: “Types of stressful life events and the onset of anxiety and depressive disorders”, Psychological Medicine, 11, 803-815, 1981
Fonagy P. & Target M.: “Attachment, trauma and psychoanalysis: Where psychoanalysis meets neuroscience”, in  Slade, A. & Jurist, E. (editors): “Mind to Mind: Infant Research, Neuroscience and Psychoanalysis”, Other Press, New York.2008
Fontenelle L. F:, Domingues A. M., Souza W. F., Mendlowicz M. V., De Menezes G. B., Figueira I. L., Versiani M.: “ History of trauma and dissociative symptoms among patients with obsessive-compulsive disorder and social anxiety disorder”, Psychiatric Quarterly, 78, 3, 241-250, 2007
Fuller-Tyszkiewicz  M., & Mussap A. J.: “The relationship between dissociation and binge eating”, Journal of Trauma and Dissociation, 9, 4, 445-462, 2008
Garno J.L., GoldbergJ. F., Ramirez P.M., Ritzler B. A.: “Impact of childhood abuse on the clinical course of bipolar disorder”, The British Journal of Psychiatry: The Journal of Mental Science, 186, 121-125, 2005
Giesbrecht T. & Mercklebach H.: “The complex overlap between dissociation and schizotypy”, in Moskowitz a., Schafer I., Dorahy M. I. (editors). “Psychosis, trauma and Dissociation”, Wiley- Blackwell, Cichester, Uk 2008
Grabe  H. J., Goldschmidt F., Lehmkuhl L., Gänsicke M., Spitzer C., Freyberger H. J.: ”Dissociative symptoms in obsessive-compulsive dimensions”, Psychopathology, 32, 6,319-324, 1999
Granqvist P. & Kirkpatrick L. A.: “Attachment and religious representations and behavior”, in Cassidy J.& Shaver P. (editors): “Handbook of Attachment: Theory, Research, and Clinical Applications”, The Guilford Press, New York 1999

Gulsun M., Doruk A., Uzun O., Turkbay T., Ozsahin A.: “Effect of dissociative experiences on drug treatment of panic disorder”, Clinical Drug Investigation, 27, 8, 583-590, 2007
Haven  T. J.: “That part of the body is just gone: Understanding and responding to dissociation and physical health”, Journal of Trauma and Dissociation, 10, 2, 204-218, 2009
Helling J.: “Non declarative representational and regulatory systems in alexithymia”, Journal of Trauma and Dissociation, 10, 469-487, 2009
Herman J. L.: “Complex PTSD: A syndrome in survivors of prolonged and repeated trauma”, Journal of Traumatic Stress, 5, 3, 377-391, 1992
Holmes E. A., Brown R. J., Mansell W., Fearon R. P., Hunter E. C., Frasquilho F., Oakley D. A.: “Are there two qualitatively distinct forms of dissociation? A review and some clinical implications”, Clinical Psychology Review, 25, 1, 1-23, 2005
Ierace G. M. S. : “NDE – Stati Alterati di Coscienza”, Atrium, 3, 2, 53-59, 2001
Ierace G. M. S. : “dromomania e pulsione viatoria”, www.nienteansia.it
Johnson C. S., Heffner J. L., Blom T. J., Anthenelli R. M.: “Exposure to traumatic events among treatment-seeking, alcohol-dependent women and men without PTSD”, Journal of Traumatic Stress, 649-652, 2010
Kihlstrom J. F.: “Dissociative disorders”, Annual Review of Clinical Psychology, 1, 227-253, 2005
La Mela C., Maglietta M., Castellini G., Amoroso L., Lucarelli S.: “Dissociation in eating disorders: Relatonship between dissociative experiences and binge-eating episodes”, Comprehensive Psychiatry, 51, 393-400, 2010
Lazarus R. S. & Folkman S.: “Stress, appraisal, and coping”, Springer, New York 1984
Lewis C. C., Simons A. D., Nguyen L. J., Murakami J. L., Reid M. W., Silva S. G., March J. S.: “Impact of childhood trauma on treatment outcome in the Treatment for Adolescent with Depression Study (TADS)”, Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 49, 132-140, 2010
Linehan M. M.: “Cognitive–Behavioral Treatment of Borderline Personality Disorder”, Guilford Press, New York 1993
Liotti G. & Farina B.: “Sviluppi traumatici”, Raffaello Cortina, Milano 2011
Liotti G. & Prunetti E.: “Metacognitive deficits in trauma-related disorders: Contingent on interpersonal motivational contexts?, in Dimaggio G. & Lysaker P. H. (editors): “Metacognition and Severe Adult Mental Disorders: From Basic Research to Treatment”, Routledge, London 2010
Lochner C., Seedat S., Hemmings S. M., Kinnear C. J., Corfield V. A., Niehaus D. J., Molman-Smook J. C., Stein D. J.: “Dissociative experiences in obsessive-compulsive disorder and trichotillomania: Clinical and genetic findings”, Comprehensive Psychiatry, 45, 384-391, 2004
Loftus E. F.: “Our changeable memories: Legal and practical implications”, Nature Reviews Neuroscience, 4, 231-234, 2003
Lu W., Mueser K. T., Rosenberg S. D. Jankowski M. K.: “Correlates of adverse childhood experiences among adults with severe mood disorders”, Psychiatric Services, 59, 1018-1026, 2008
Marshall R. D., Schneier F. R., Lin S. H., Simpson H. B., Vermes D., Liebowitz M.: “Childhood trauma and dissociative symptoms in panic disorder”, American Journal of Psychiatry, 157, 451-453, 2000
McLean L. M., Toner B., Jackson J., Desrocher M., Stuckless N.: “The relationship between childhood sexual abuse, complex post-traumatic stress disorder and alexithymia in two outpatient samples: Examination of women treated in community and institutional clinics”, Journal of Child Sexual Abuse, 15, 1-17, 2006
McShane J. M. & Zirkel S.: “Dissociation in the binge-purge cycle of bulimia nervosa”, Journal of Trauma and Dissociation, 9, 463-479, 2008
Michelson L., June K., Vives A., Testa S., Marchione N.: “The role of trauma and dissociation in cognitive-behavioral psychotherapy outcome and maintenance for panic disorder with agoraphobia”, Behaviour Reserch and Therapy, 36, 1011-1050, 1998
Moskowitz A., Schafer I., Dorahy M.: “Psychosis, Trauma and Dissociation”, Wiley-Blackwell, Chichester, Uk 2008
Nijenhuis E. R. S.: “Somatoform dissociation and somatoform dissociative disorders”, in Dell  P. F.& O’Neil J. A. (editors): “Dissociation and the Dissociative Disorders: DSM-V ad Beyond”, Routledge, New York 2009
Nock M. K.: “Self-injury”, Annual Review of Clinical Psychology, 6, 339-363, 2010
Ogawa J. R., Sroufe L. A., Weinfield N. S., Carlson E. A., Egeland B.: “Developmental and fragmented self: Longitudinal study of dissociative symptomatology in a non-clinical samples”, Development and Psychopathology, 9, 855-879, 1997
Paris J.: “Anxious traits, anxious attachment and anxious-cluster personality disorders”, Harvard Review of Psychiatry, 6, 142-148, 1998
Pastucha P., Prasko J., Grambal A., LatalovaK., SigmundovaZ., Sykorova T., Tichackova A.: “Panic disorder and dissociation – comparison with healthy controls”, Neuro Endocrinology Letters, 30, 774-778, 2009
Paykel E. S.: “Life stress and psychiatric disorder: Applications of the clinical approach”, in Dohrenwend B. S. & Dohrenwend B. P. (editors): “Stressful life events: Their nature and effects”, Wiley, New York 1974
Read J., van Os J., Morrison A. P., Ross C. A.: “Childhood trauma, psychosis and schizophrenia: A literature review with theoretical and clinical implications”, Acta Psychiatrica Scandinavica, 112, 330-350, 2005
Roelofs K., Keijsers G. P., Hoogduin K. A., Naring G. W., Moene F.C.: “Childhood abuse in patients with conversion disorder”, American Journal of Psychiatry, 159, 1908-1913, 2002
Ross C. A.: “The theory of a dissociative subtype of schizophrenia”, in Dell P. & O’Neil J. A. (editors): “Dissociation and the Dissociative Disorders: DSM-V and beyond”, Routledge , New York 2009
Rufer M., Fricke S., Held D., Cremer J., Hand I.: “Dissociation and symptom dimensions of obsessive-compulsive disorder: A replication study”, European Archives of Psychiatry and Clinical Neurosciences, 256, 146-150, 2006
Rutter  M.: “Develoopmmental psychopathology and wellness: Genetic and environmental influences”, in Hudziak J. J. (editors): “Developing Concepts in Developmental Psychopathology”, American Psychiatric Press, Washington, Dc 2008
Sar V., Akyuz G., Kundakci T., Kiziltan E., Dogan O.: “Childhood trauma, dissociation, and psychiatric comorbidity in patients with conversion disorder”, American Journal of Psychiatry, 161, 2271-2276, 2004
Sassaroli S. & Ruggiero G. M.: “I disturbi alimentari”, Laterza, Bari 2010
Spauwen J., Krabbendam L., Lieb R., Wittchen H. U., van Os J.: “Impact of psychological trauma on the development of psychotic symptoms: Relationship with psychosis proneness”, British Journal of Psychiatry, 188, 527-533, 2006
Spitzer C., Barnow S., Gau K., Freyberger H. J., Grabe H. J.: “Childhood maltreatment in patients with somatization disorder”, Australia and New Zealand Journal of Psychiatry, 42, 335-341, 2008
Steinberg M. & Schnall M.: “The Stranger in the Mirror : Dissociation -The Hidden Epidemic”, HarperCollins,  New York 2001
Taub S.: “Recovered Memories of Child Sexual Abuse: Psychological, Social, and Legal Perspectives on a Contemporary Mental Heakth Controversy”, Carles Thomas Publisher Ltd, Springfield, Il 1999
Testa A.: “La trama lucente”, Rizzoli, Milano 2010

Thase M. E.: “Atypical depression: Useful concept, but it’s time to revise the DSM-IV criteria”, Neuropsychopharmacology, 34, 2633-2641, 2009
Theorell T.: “Life events before and after the onset of a premature myocardial infarction”, in Dohrenwend B. S. & Dohrenwend B. P. (editors): “Stressful life events: Their nature and effects”, Wiley, New York 1974
Theorell T.: “Selected illness and somatic factors in relation to two psychosocial stress indices – a prospective study in middle-aged construction building workers”, Journal of Psychosomatic Research, 20, 7-20, 1976
Tseng W. S., Lu Q. Y.& Yin P. Y.: “Psychotherapy for the Chinese: Cultural considerations”, in  Lin T. Y. & Tseng W. S. & Yeh Y. K. (editors): “Chinese societies and mental health”, Oxford University Press, Hong Kong  1995
Tseng W. S.: “Manuale di psichiatria culturale” (edizione italiana a cura di G. Bartocci), Cic edizioni internazionali, Roma 2003
Tulving E.: “How many memory systems are there?”, American Psychologist, 40, 385-398, 1985
van der Hart, O., Nijenhuis, E. R. S., & Steele, K.: “The haunted self: Structural dissociation and the treatment of chronic traumatization”, Norton, New York 2006
van der Kolk B. A.: “The body keeps the score: Memory and the evolving psychobiology of posttraumatic stress”, Harvard Review of Psychiatry, 1, 253-265, 1994
van der Kolk  B. A., Roth S., Pelcovitz D., Sunday S., Spinazzola J.: “Disorders of extreme stress: The empirical foundation of a complex adaptation to trauma”, Journal of Trauma and Stress, 18, 389-399, 2005
Vanderlinden, J., & Vandereycken, W.: “ Trauma, Dissociation, and Impulse Dyscontrol in Eating Disorders”, Taylor & Francis / Brunner/ Mazel, New York 1997
Warshaw M. G., Fierman E., Pratt L., Hunt M., Yonkers K. A., Massion A. O., Keller M. B.: “Quality of life and dissociation in anxiety disorder patients with histories of trauma or PTSD”, American Journal of Psychiatry, 150, 1512-1516, 1993
Watson S., Chilton R., Fairchild H., Whewell P.: “Association between childhood trauma and dissociation among patients with borderline personality disorder”, Australia and New Zealand Journal of Psychiatry, 40, 478-481, 2006
Weich S., Patterson J., Shaw R., Stewart-Brown S.: “Family relationships in childhood and common psychiatric disorders in later life: Systematic review of prospective studies”, British Journal of Psychiatry, 194, 392-398, 2009
Williams R.: “Trauma e relazioni”, Raffaello Cortina, Milano 2009
Wills S. M. & Goodwin J.: “Recognizing bipolar illness in patients with dissociative identity disorders”, Dissociation, 104-109, 1996







Lascia un Commento

*