Homepage di Nienteansia.it

Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

[Citazione del momento]
Solo i grandi sapienti ed i grandi ignoranti sono immutabili. Confucio
Viagra online

La regolazione affettiva

category Psicologia Nienteansia.it 30 Novembre 2007 | 6,511 letture | Stampa articolo |
1 vote, average: 5.00 out of 51 vote, average: 5.00 out of 51 vote, average: 5.00 out of 51 vote, average: 5.00 out of 51 vote, average: 5.00 out of 5 (voti: 1 , media: 5.00 su 5)
Devi effettuare il login per votare.
Loading ... Loading ...

La regolazione affettiva è l’insieme dei processi attraverso i quali l’individuo influenza le emozioni che prova, quando le prova, in che modo le prova e come esprime tali emozioni (Gross, 1999). Ogni emozione è diversa dalle altre e possiede caratteristiche peculiari che la rendono unica. Solitamente l’altalenarsi delle esperienze emotive avviene al di sotto della soglia di consapevolezza, pur derivando da esperienze concrete.

Succede spesso, per esempio, di provare un alone di tristezza, o di rabbia, senza conoscerne con certezza le cause. Le emozioni, in primo luogo, svolgono una funzione di omeostasi, e lo fanno al di fuori della nostra consapevolezza. Il passaggio da uno stato emotivo all’altro avviene ogni qual volta si rende necessario; in caso di pericolo il nostro cervello ci forza a provare paura e di conseguenza il nostro organismo attiva tutti quei processi indispensabili alla salvaguardia della nostra salute. Prepara i nostri muscoli alla fuga o ad un eventuale attacco, aumenta i battiti cardiaci e la respirazione, ci rende molto più reattivi. La regolazione affettiva a questo livello svolge dunque una funzione adattiva. Ci permette di adattarci ai diversi contesti ambientali in cui ci troviamo, scegliendo per noi le giuste emozioni da provare in funzione delle circostanze.

Vi è un secondo livello nel quale le emozioni non sono più strettamente collegate al mantenimento del nostro equilibrio interno e vengono implicate nelle relazioni interpersonali. In questo caso la regolazione opera in funzione di noi stessi e dell’altro, dove per altro si intendono le persone con le quali entriamo in contatto. Ogni individuo con il quale interagiamo provoca in noi la nascita di determinate emozioni alle quali noi rispondiamo nel modo che riteniamo più appropriato. La nostra interazione, ciò che noi diciamo e facciamo mentre siamo con qualcuno, è motivata dalle emozioni. Senza di esse non vi sarebbe lo stimolo a comunicare, a cercare il contatto. A questo livello, dunque, la regolazione affettiva adempie ad una funzione motivazionale nei confronti del nostro interagire con gli altri. Dà un senso, un significato a ciò che gli altri fanno e alle nostre stesse azioni. Ci predispone a recepire gli stimoli rivolti a noi e al tempo stesso ci fornisce gli strumenti per dare loro un senso.

Da questo risulta evidente l’importanza delle emozioni e come ogni nostro comportamento sia profondamente influenzato dal nostro stato affettivo interno. Non è possibile spiegare, quindi comprendere, un comportamento senza fare riferimento alle basi emotive di tale comportamento (Damasio, 1998). Le emozioni costituiscono dunque processi integrativi essenziali, che svolgono un ruolo centrale nel conferire valori e significati e nel collegare le diverse attività e funzioni della mente. La regolazione delle emozioni è alla base dei processi di organizzazione del Sé, e le comunicazioni emotive che si stabiliscono tra genitore e figlio influenzano profondamente lo sviluppo delle capacità di autoorganizzazione del bambino.

I pattern che vengono utilizzati nel trasferimento di energia e informazioni fra la sua mente e quella del genitore possono dare luogo a strategie organizzate, che si manifestano con risposte comportamentali caratteristiche nell’ambito della relazione di attaccamento; la sua mente impara ad adattarsi in maniera specifica al tipo di comunicazioni emotive che riceve dall’adulto, e con il passare del tempo questi pattern relazione-dipendenti possono diventare approcci tipici che vengono utilizzati in contesti più generali. Diversi aspetti della regolazione delle emozioni, come la capacità di adattamento allo stress, possono essere correlati alle loro storie di attaccamento (Sroufe, 1995).

Riferimenti bibliografici:

DAMASIO, A.R. (1998) Emotion in the perspective of an integrated nervous system. Brain Research Reviews, 26, pp. 83-86.

GROSS, J.J. (1999) Emotion regulation: Past, present and future. Cognition and emotion, 13, pp. 551-573.

SROUFE, L.A. (1995) Lo sviluppo delle emozioni. Tr. it. Raffaello Cortina, Milano 2000.







Lascia un Commento

*