Homepage di Nienteansia.it

Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

[Citazione del momento]
L'ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili; e il pessimista sa che è vero. Robert Oppenheimer
Viagra online

Il genio visionario di Edgar Allan Poe

category Psicologia Sandro Fossemo 18 Gennaio 2008 | 7,436 letture | Stampa articolo |
2 votes, average: 5.00 out of 52 votes, average: 5.00 out of 52 votes, average: 5.00 out of 52 votes, average: 5.00 out of 52 votes, average: 5.00 out of 5 (voti: 2 , media: 5.00 su 5)
Devi effettuare il login per votare.
Loading ... Loading ...

C’è il reale e c’è l’ignoto
e c’è una porta che li separa:
io voglio essere quella porta”
(Jim Morrison)

La psicoanalisi ha scoperto, da tempo, che vi può essere un legame psicologico tra la “percezione geniale” e la “dissociazione mentale” presente in modo conflittuale ma creativo nell’artista che nella sua nevrosi soffre di disturbi percettivi. La concezione meccanicistica della psichiatria positivistica ha, invece,bollato l’ “anormalità” come “malattia mentale” negandone,così, le implicazioni creative che sono profondamente legate al mondo della percezione. Proprio come avviene a quell’ostrica che, grazie a un piccolo difetto della conchiglia, permette a un granello di sabbia di penetrare all’interno fino a generare una perla così avviene per chi ha un disturbo nella percezione:la sua perla è la sua arte. La psicoanalisi junghiana si presta discretamente a uno studio che lega l’inconscio con l’espressione geniale e nevrotica del visionario dove la percezione è direttamente influenzata dall’archetipo.

Anche se non mi sogno neanche lontanamente di introdurre un discorso analitico sulla complessa e geniale mente del noto poeta posso ,comunque, provare a immaginare un tracciato psicologico,solo intuitivo o ipotetico , della sua notevole creatività artistica e affermare senz’ombra di dubbio che spesso le menti più brillanti sono quelle più sensibili e,in un certo senso,le più’devastate’ a causa di una singolare percezione del reale diretta a oltrepassare quella comune per indagare meglio su quella ‘nascosta’. Poe, in Marginalia, scrive proprio in merito alla percezione:

-That intuitive and seemingly casual perception by which we often attain knowledge, when reason herself falters and abndons the effort, appears to resemble the sudden glancing at a star, by which we see it more clearly than by a direct glaze;or the half-closing the eyes in looking at a plot of grass, the more fully to appreciate the intensity of its green.-

Va anche precisato e ricordato che considero inaffidabile gran parte della psicoanalisi freudiana e pertanto rigetto in toto le assurde interpretazioni di Maria Bonaparte (1882-1962). Credo che sia anche sbagliato e deterministico risalire alla psiche dell’autore solo partendo dal contesto critico delle sue opere o analizzando l’espressione onirica esclusivamente come una rivelazione inconscia del ‘represso’. Non possiamo mai essere certi delle soluzioni psicoanalitiche a causa della complicata psiche umana, specie se geniale.

Prima di analizzare le esperienze visionarie, va sottolineato che Poe faceva uso di sostanze stupefacenti, tipo il laudano, che sicuramente hanno alterato la sua predisposizione alla dissociazione mentale1 a favore di un’amplificata percezione della realtà in grado di liberare proprio quei contenuti simbolici dell’inconscio presenti nella narrativa poesca. E’ ovvio che queste droghe hanno solo aiutato in parte la liberazione della sua creatività ma non l’hanno ovviamente provocata.

Arte Metasimbolica

Se l’artista,come sostiene la psicoanalisi, mediante l’immaginazione può simulare il sogno fino a diventare un interprete dell’ inconscio vuol dire che egli è in grado di rilevare e amplificare l’emisfero onirico della realtà per mezzo della sua percezione. L’intreccio tra sogno e il reale diventa un mezzo per indagare e svelare gli enigmi della realtà. Se noi viviamo all’interno di un sogno, ma non ne siamo consapevoli a causa della nostra limitata percezione, allora significa che per mezzo di un’ arte surreale possiamo invece superare il nostro ostacolo percettivo. Nell’arte poesca l’universo onirico si trasforma in un linguaggio simbolico diretto a manifestare il delirio metafisico dell’anima in una sintesi ‘metasimbolica’ originata dall’archetipo presente nell’inconscio collettivo. Così l’arte poesca diviene proprio un’arte metasimbolica in grado di dar vita a quella immaginazione mitopoietica che si manifesta inconsciamente nella realtà. Se il mito rivela la nostra vera identità nascosta è ovvio che l’immaginazione archetipica che vive e regna dentro di noi non è solo un mezzo per conoscere noi stessi ma è soprattutto una chiave percettiva per comprendere il mondo. Il sogno e l’arte sono legati complessivamente all’universo del mito e assai di meno a quello del represso ma se la psicoanalisi vede nell’arte un atto di compensazione tra le esigenze dell’inconscio e il mondo cosciente allora possiamo ipotizzare, in linea massima, l’espressione mitopoietica come un atto di sfogo dei desideri umani di voler tornare all’antico o al primitivo di fronte ad una realtà moralmente e razionalmente repressiva. In questo senso, i miti diventano una sorta di forze primordiali in grado d’intervenire inconsciamente all’interno dell’espressione artistica proprio come avveniva con gli dei dell’antica Grecia. Un esempio è proprio il racconto “Il diavolo della torre”(The Devil in the Belfry) dove un misterioso individuo disorienta, attraverso la manipolazione di un orologio, una società funzionale e meccanicistica. Quell’oscuro e demoniaco distruttore che opera contro un ‘sistema perfetto’ può benissimo essere visto come il dio Pan alle prese con un disumano mondo tecnicistico. Lo psicoanalista junghiano James Hillman(1926- ) interpreta l’immaginazione e il mondo soprattutto dal punto di vista mitologico dove gli archetipi strutturano la nostra attività immaginaria e onirica. E’ una considerazione limitata ma sicuramente inappropriata quella di delegare all’arte il solo compito di esprimere una dimensione di mezzo tra una realtà oppressiva e una conseguente immaginazione che invece appaga e compensa le nostre intime aspirazioni. L’arte può benissimo essere anche una proiezione metafisica del mitologico nella realtà, possibile attraverso la creazione di un’espressione metasimbolica in cui ,appunto, il reale viene trasceso per lasciare spazio all’immaginazione onirica dell’antico o dell’ancestrale rappresentato proprio dall’archetipo.

Il Sogno è la Morte

L’analisi della morte viene rivelata da Poe proprio nell’incubo psicologico in cui il reale si fonde magistralmente con il sogno nella dissociazione mentale del protagonista che ,immerso in un labirinto quasi senza tempo ,agisce con lucida follia in un diabolico piano di morte. L’ anima e la morte sono follemente e razionalmente intrecciati nell’incubo. Quanto più scendiamo nell’abisso dell’anima tanto più finiamo per scorgere la morte. In perfetta simbiosi con l’affermazione di Hillman il quale sostiene che il -sogno è l’anima e l’anima è morte-.2 Il legame tra il sogno e la morte è antichissimo e non a caso per i primitivi il mondo dei sogni è il mondo dei morti. Tale concetto riaffiora nella psicoanalisi di Hillman che, esagerando nel rifiutare nettamente l’idea freudiana o junghiana dell’ inconscio come manifestazione delle repressioni diurne, vede nel sogno solo l’ Ades, ovvero il regno dei morti,il ‘mondo infero’ governato dagli dei o miti dell’antica Grecia. Secondo me, l’interpretazione dell’arte poesca ben si addice a quell’immaginario mitologico proposto da Hillman con la sua “psicologia dell’antichità” in cui i sogni emergono dal quel regno dei morti in cui dimora l’anima. Basta pensare al racconto Ligeia dove il protagonista di notte scorge un’ombra dietro il riflesso dell’incensiere quasi a indicare l’anima che vaga nel regno dei morti . Non a caso, nell’universo onirico di Poe permane spesso il mito ancestrale come richiamo simbolico della morte dove si sviluppa proprio il “terrore dell’anima”.

Il visionario

Secondo Poe, colui che sogna ad occhi aperti sviluppa molta fantasia ed è in grado di comprendere la realtà nella sua complessità al prezzo di uno stato di dissociazione visionaria diretta a esprimere una “suprema forma d’intelligenza”.Gli stati di alterazione psichica sono un mezzo per sviluppare fantasia creativa perché permettono all’inconscio di emergere vertiginosamente nella sfera percettiva. Il segreto della percezione geniale consiste nella compenetrazione tra sogno e realtà provocata da stati mentali alterati, forse dovuti a traumi psicologici,in cui avviene la dissociazione dalla realtà. C.G. Jung (1875-1961) analizza ottimamente il fenomeno in cui l’individuo perde la cognizione della realtà per lasciare spazio all’inconscio.

-La forze eruttate dalla psiche collettiva portano confusione e cecità mentale. Una conseguenza della dissoluzione della persona è lo scatenamento della fantasia che, evidentemente, è nè più nè meno che l’attività specifica della psiche collettiva. Questa irruzione di elementi fantastici introduce violentemente nella coscienza materiali e impulsi della cui esistenza non si aveva alcun sospetto. Si scoprono tutti i tesori del pensiero e del sentimento mitologico. Non è sempre facile resistere a impressioni talmente travolgenti. Questa fase va annoverata tra quelle che rappresentano un vero pericolo nel corso dell’analisi, pericolo da non sottovalutarsi.

Si comprenderà facilmente come questa condizione sia talmente insopportabile che l’individuo desidera porvi termine al più presto possibile, dato che la somiglianza con l’alienazione mentale è finanche troppo stretta. Come è noto, la forma più comune di pazzia , la demenza precoce o schizofrenia, consiste essenzialmente nel fatto che l’inconscio espelle e soppianta, in larga misura, le funzioni della mente cosciente. L’inconscio usurpa le funzioni del reale e vi sostituisce una propria realtà. I pensieri inconsci diventano udibili sotto forma di voci, oppure sono percepiti come illusioni o allucinazioni corporee, ovvero si manifestano sotto forma di giudizi insensati, ma irremovibili, sostenuti in opposizioni alla realtà.

Allorchè la persona si dissolve nella psiche collettiva, l’inconscio viene spinto entro la coscienza in un modo simile, ma non identico. L’unica differenza rispetto allo stato di alienazione mentale è che l’inconscio viene portato in superficie mediante l’analisi cosciente; almeno questo è ciò che accade al principio dell’analisi, quando si devono ancora superare forti resistenze di ordine culturale. Più tardi, dopo l’abbattimento di barriere erette nel corso di anni, l’inconscio invade la coscienza spontaneamente e talvolta irrompe nella mente come una fiumana. In questa fase la somiglianza con l’alienazione mentale è strettissima. Però si tratterebbe di vera follia solo se i contenuti dell’inconscio diventassero una realtà che prendesse il posto della realtà cosciente; in altri termini, se il soggetto vi prestasse fede senza riserve.- 3 (Il corsivo è mio)

Solo una mente preparata come quella di Poe è pronta ad accogliere le invasioni dell’inconscio senza crollare completamente nella totale alienazione mentale perché lo scrittore è genialmente in grado di sfruttare la disfunzione percettiva come mezzo conoscitivo della realtà servendosi dell’analisi razionale della propria fantasia. Di conseguenza, Poe non è uno schizofrenico che ha completamente perduto il senso del reale ma piuttosto un forte visionario, pieno di talento, capace di controllare coscientemente le proprie visioni. L’analisi junghiana sulla dissociazione della realtà con particolare visioni trova quasi un certo riscontro quando lo scrittore descrive il suo stato mentale nei momenti in cui “sogna a occhi aperti” nel saggio Marginalia, facendo proprio riferimento in modo impreciso a delle improvvise “fantasie”.4

-Esiste tuttavia una categorie di fantasie sottilissime e delicate, che non sono pensieri e a cui finora ho trovato assolutamente impossibile adattare la lingua. Uso a caso la parola fantasie, perchè devo usare una parola; ma il concetto che generalmente si collega con questo termine non è neppure lontanamente riferibile alle ombre di cui sto parlando. A me sembrano di natura psichica, piuttosto che intellettuale. Insorgono nella mente (quanto di rado, purtroppo!)soltanto nei periodi di tranquillità intensa, di perfetta salute fisica e mentale ed esclusivamente nei momenti di fusione, e trapasso, fra i confini del mondo desto e di quello dei sogni. Di queste fantasie mi rendo conto solo quando sono proprio sull’orlo del sonno, e sono consapevole del mio stato. Sono andato persuadendomi che questa condizione esiste solo per un immisurabile lasso di tempo, che pure riesce ad affollarsi di queste ombre di ombre: mentre per un pensiero risolto è necessaria una certa durata nel tempo. Queste Fantasie comportano un piacevole stato estatico, che supera di tanto i massimi piaceri del mondo della veglia e di quello dei sogni, quanto il paradiso dei Normanni supera il loro inferno. Man mano che insorgono queste visioni io mi metto a considerarle con un rispetto che, in qualche misura, modera e placa l’estasi.-5

Un’ analisi molto importante adatta alla vena artistica dello scrittore americano e simile a quella di Jung, dove lo stato dissociativo nevrotico della psiche aiuta l’artista a comprendere più profondamente la dimensione labirintica del reale,ci viene data dallo psicoanalista Augusto Romano in un saggio riferito proprio a Poe.

-Fuor di metafora, il tesoro è la libido inconscia, le energie creative che giacciono nel profondo e che le strutture di un mondo ordinato e di una salda coscienza tendono a rifiutare. Questo rifiuto ha molte e fondate ragioni,giacché il rischio è grave e si chiama inflazione psichica e psicosi. D’altro canto la vita non alimenta da energie nuove man mano si inaridisce e si spegne. Non a caso Jung ha messo in evidenza la funzione in qualche modo positiva della nevrosi, intesa come tentativo estremo della totalità psichica di richiamare l’Io a una maggiore integrazione dei processi inconsci e ,di conseguenza, ad una più articolata visione della realtà. La condizione umana è, da questo fondamentale punto di vista, drammatica e contraddittoria, giacché l’uomo è combattuto tra l’esigenza di conservare il contatto con l’inconscio e il pericolo di esserne riassorbito.- 6

La Schizofrenia

Personalmente credo,ma si tratta di una mia opinione, che proprio il disturbo dissociativo ha permesso a Poe di essere un grande esegeta della psiche. Voglio dire che lo scrittore, da come ci viene testimoniato anche dalle riflessioni in Marginalia, dissociandosi coscientemente ma involontariamente dalla realtà( anche a causa,probabilmente,dell’uso di certe droghe) vale a dire senza cadere vittima della sua stessa alterazione psichica , finisce per analizzare e studiare l’anima fino a comprendere paradossalmente in modo dissociativo quel volto oscuro della psiche descritto nei personaggi schizofrenici dei suoi racconti. Quindi, è totalmente falso e assurdo quello che sostiene Maria Bonaparte.

-Edgar Allan Poe, per impedire alla sua natura strana, instabile e ossessionata di far di se stesso un vero criminale o un vero pazzo, aveva ancora a disposizione un’altra “droga”, una droga il cui uso non è alla portata di tutti; intendo parlare dell’inchiostro, con cui fissò sulla carta la sua scrittura bella e curata, le ”immagini” macabre, orribili ma consolatrici, che lo sollevavano ancora dal suo lutto.- 7

Al contrario, lo scrittore usa la sua dissociazione non per salvare se stesso dalla follia ma per indagare nella follia del prossimo. La scrittura non è stata un mezzo per evadere dalla propria pazzia ma per immergersi nella pazzia altrui. E’ assai probabile che Poe fosse uno psicologo geniale,talmente brillante da usare la sua stessa nevrosi per comprendere la schizofrenia umana. In questo senso, Poe è mentalmente il più sano di tutti perché, a differenza degli altri,è bravo nel comprendersi e nel comprendere. Solo una persona sana di mente può capire quando la ragione si trasforma in ‘lucida follia’ perché diviene eccessivamente strumentale o maniacale a causa di un grave disturbo percettivo destinato a sfociare nella schizofrenia. In merito alla malattia mentale , Poe arriva a definire il “genio malefico dell’inganno”(imp of the perverse) una sorta di “demone della perversità” o d’incitamento interiore presente nell’animo umano e diretto a farci compiere gesta d’immane crudeltà motivati dal quel fascino seducente presente nel compiere del male. Arriviamo a voler fare un’azione orribile senza un sensato motivo ma solo per il gusto di farlo proprio perché sappiamo di non doverla attuare.

La Fantasia Analitica

Il potere creativo dell’immaginazione consente al genio di sfruttare i messaggi dell’inconscio: difatti la fantasia analitica è la capacità mentale di orchestrare quei pensieri imprevisti, fatti di immagini o emozioni che sembrano essere apparentemente insignificanti e disordinati, fino a trasformarli in arte compiuta.8 Poe ha sviluppato quello che egli stesso definisce la “fantasia analitica” per indagare con un forte raziocinio gli oscuri incubi dell’animo umano in modo da immergerli, secondo una fredda logica matematica, in fantasiose e suggestive tenebre musicalmente surreali. Anche Nietzsche crede nella validità della razionalità analitica come basilare per organizzare l’ispirazione creativa.

-In verità la fantasia del buon artista o pensatore produce continuamente cose buone, mediocri e cattive, ma il suo giudizio, altamente affinato ed esercitato, respinge, sceglie, collega; come ora, dai taccuini di Beethoven, si vede che egli ha composto le più belle melodie e poco per volta e quasi trascegliendo da molteplici spunti. Chi giudica meno severamente e si abbandona volentieri alla memoria imitativa, potrà in certe circostanze divenire un grande improvvisatore; ma l’improvvisazione artistica rimane molto in basso rispetto al pensiero d’arte scelto con serietà e con sforzo. Tutti i grandi furono lavoratori instancabili non solo nell’inventare, ma anche nel respingere, vagliare, trasformare e ordinare.- 9

La fantasia analitica dello scrittore si lega all’idealismo estetico di Schelling (1775-1854) in cui il genio riesce a interpretare l’energia vitale della natura in senso artistico attraverso l’attività psichica cosciente che gli permette di scoprire l’arte della natura presente nell’inconscio. Secondo Schelling, la natura è una sublime espressione artistica universale :una poesia inconscia in grado d’ispirare la coscienza dell’artista geniale. Un concetto simile lo troviamo anche nell’idealismo trascendentale kantiano di S.T. Coleridge (1772-1834),dove l’ immaginazione dell’artista sorge in funzione di una elaborazione creativa di elementi inconsci. Schelling e Coleridge sono autori ideali per intendere la formazione estetica di Poe.

La Creatività

Lo scrittore rivela la chiave dell’ingegno creativo e percettivo nell’introduzione al racconto Eleonora dove viene spiegato il valore inventivo che può anche avere la “pazzia”.

-Discendo da una stirpe famosa per vigore di fantasia e per la veemenza delle passioni. Gli uomini mi hanno chiamato pazzo; ma nessuno ancora ha potuto stabilire se la pazzia è o non è una suprema forma d’intelligenza; e se la maggior parte di quanto è superiore, di quanto è profondo, non deriva da qualche malattia del pensiero, o da speciali modi dello spirito che pigliano il sopravvento sul senso comune. Colui che sogna ad occhi aperti sa di molte cose che sfuggono a quanti sognano solo dormendo. Nelle sue nebbiosi visioni, egli afferra sprazzi

dell’eternità e trema, al risveglio, di vedere che per un momento si è trovato sull’orlo del grande segreto. Così, a lembi, apprende qualcosa della sapienza del bene, e un pò più della conoscenza del male. Pur senza timone nè bussola, penetra nell’oceano sterminato della “luce ineffabile” come gli avventurieri del geografo nubiano, che aggressi sunt mare tenebrarum, quid in eo esset exploraturi.

Diciamo, dunque, che sono pazzo. Riconosco, almeno, che ci sono due diverse condizioni nella mia esistenza mentale: una condizione di lucidità incontestabile riguardo alla memoria di quanto avvenne nella prima epoca della mia vita e una di oscura in incertezza riguardo al presente e alla memoria degli eventi successi nella seconda grande epoca della mia vita.- 10

Ed è proprio l’analisi cosciente dei pensieri inconsci che permette a Poe di sfruttare la sua dimensione inconscia in senso produttivo dietro l’analisi coerente della sua fantasia analitica. Poe lo rivela anche nel racconto Berenice:-Le realtà del mondo m’impressionavano come visioni e niente più che visioni, mentre le folli idee della regioni dei sogni erano divenute, più che la materia dell’esistenza quotidiana, la mia esistenza per se stessa in assoluto.-11

Tutto questo sta a dimostrare che l’arte, non potendosi manifestare mai nei limiti della sola “razionalità”, finisce per essere una diretta conseguenza delle forze pulsionali dell’inconscio le quali esigono una rara e forte elasticità della percezione che va oltre la “normalità”. Pertanto, “genio e sregolatezza” si compenetrano quando paradossalmente l’essere dissociati dal reale diventa il sale di quell’intelligenza associativa che permette al sogno di emergere nella realtà in una creativa “estasi visionaria”.

note:

1) Per chi volesse allargare lo studio sugli effetti che hanno le droghe allucinogene sulla percezione del realtà,anche se Poe faceva uso di oppio e non di mescalina o LSD, si legga il famoso saggio Le porte della percezione di Aldous Huxley e le ricerche dello psichiatria Stanislav Grof .

2) J. Hillman, Il sogno e il mondo infero, Est,1996, pag. 9

3) Carl Gustav Jung,Inconscio, occultismo e magia,Newton Compton editori,Roma,1985,pag. 167-168)

4)Dobbiamo fare un po’ attenzione all’esatta traduzione del termine “fantasie”. Dal testo originale si legge “fancies” che possiamo tradurre anche come “immaginazioni”.Il testo in lingua inglese lo trovate nel sito ‘Marginalia by Edgar Allan Poe’ (Graham’s Magazine,March,1846) con il seguente link: http://www.4literature.net/Edgar_Allan_Poe/Marginalia/3.html

Poe, comunque, nel seguito del testo chiarisce meglio il termine “fancies” come “impressioni psichiche”.

5) Marginalia, in Filosofia della composizione e altri saggi, Napoli, Guida,1986,pag. 89)

6) Augusto Romano,Poe e la psicologia analitica junghiana:nostalgia delle origine e immagini del femminile in E.A. Poe dal gotico alla fantascienza,Mursia,pag. 267.

7) M. Bonaparte , Edgar Allan Poe. Studio analitico,Newton Compton,Roma 1976,vol. I, pp 96-97 in Daniela Fargione ,Giardini e labirinti:l’America di Edgar Allan Poe,Celid,2005,pag.82

8) Cfr. Introduzione di Carlo Izzo in Tutti i racconti e le poesie,Casa Editrice Le Lettere,Firenze,1990,pag. XXIV

9)F. Nietzsche, Credenza dell’ispirazione, in Umano troppo umano

10) Eleonora in Poe,Racconti del terrore,Oscar classici Mondadori,Arnoldo Mondadori Editore,Milano, VII rist. 1999, pag. 196)

11) Berenice in Poe,Racconti del terrore, idem, pag. 74

——————————————————————————-

Prova il nostro Test della Creatività >>







5 Commenti a “Il genio visionario di Edgar Allan Poe”

  1. enrico

    Sarebbe interessante conoscere qualcosa di più sulla personalità di Jim Morrison sotto il profilo psicologico. Si trattava di un paziente nevrotico o vi era qualche risvolto di tipo schizofrenico ? Sembra che da bambino abbia avuto un grosso shock dopo aver visto un incidente stradale. E in pratica quello che chiamano DPTS, scivolato purtroppo in una forma di autodistruzione

  2. Sara

    come si può approfondire allora la tematica della nevrosi in Poe??
    c’è un suo racconto in particolare che ne parla?

  3. Sandro

    Prova a leggere questi due racconti: “Il gatto nero” e “Ligeia”…
    Ciao

  4. Sandro

    Dimenticavo il racconto più importante che è “La rovina della casa degli Uscher”.
    Saluti

  5. Maurizio Spagna

    L’ASSOMIGLIANZA
    …è ovvio che il tempo parlerà al genio,
    parlerà alla vernice
    al profumo di un incanto
    al risorgere di un mito e del suo schianto

    Coloranti degli anni e il piacere tintinnante,
    in un intrigo illuminato
    da un genio illimitato
    poi in libertà, fumo, orgoglio, anima e morte
    impugnata
    nella rilettura della sua arte

    …è ovvio che lo specchio attraverserà il dolore del genio,
    attraverso il prodotto
    e una galleria che si nega al concetto
    perché è merce complessa da vendere, copiare e capire

    attraverso quell’attimo
    che ti ubriaca
    in un carisma che per un paio di volte nella vita
    ha ammutolito l’invidia
    così che il male si è impiastricciato e vergognato

    Il genio protesta senza pretese
    con la sua arte…

    Perché è insopportabile la sua presa

    Accadde una sera insistente
    consci di tavole calde
    e dentro un plico di carta
    l’assomiglianza…

    L’assomiglianza vertiginosa
    è olio e lampada
    ricomposta in una luna piena
    tutelata e contata con il genio degli anni ineguagliabili-

    …è ovvio che il tempo parlerà al genio,
    parlerà sulla via maestosa della perfezione
    senza aspettare
    ma lasciarsi andare a grandi passi

    …è ovvio possiamo ancora vederlo,
    credendo di essere vivi e duplicati nel mondo-

    ©2011 Maurizio Spagna
    e il giro del mondo poetico-
    http://www.ilrotoversi.com
    info [@] ilrotoversi [.] com
    L’ideatore creativo,
    paroliere, scrittore e poeta al leggìo-

Lascia un Commento

*