Homepage di Nienteansia.it

Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

[Citazione del momento]
Per essere popolare occorre essere una mediocrità. Oscar Wilde
Viagra online

Esempi di “Terapie istantanee” – (Casi trattati dal dott. Stefano Limontini, allievo del prof. Elia Tropeano)

category Programmazione neurolinguistica Elia Tropeano 2 Dicembre 2007 | 8,099 letture | Stampa articolo |
8 votes, average: 5.00 out of 58 votes, average: 5.00 out of 58 votes, average: 5.00 out of 58 votes, average: 5.00 out of 58 votes, average: 5.00 out of 5 (voti: 8 , media: 5.00 su 5)
Devi effettuare il login per votare.
Loading ... Loading ...

Stefano Limontini (novembre 2006, Novara)
Ero di turno in pronto soccorso e giunge alla mia osservazione la sig.ra M. Elisa (1979). Entra in ambulatorio seduta in carrozzina, con un atteggiamento molto sofferente, pallida, occhi socchiusi, sguardo assente. Parla a fatica e si regge il capo con le mani. Riferisce di soffrire abitualmente di cefalea e di aver consultato diversi “Centri Cefalea” ma senza mai aver trovato i motivi e nè la soluzione al suo problema.
Racconta che sono tre giorni che ha una cefalea e che la solita terapia non aveva sortito alcun effetto. Essendo sfinita da un dolore ingravescente si presentava in pronto soccorso in cerca di aiuto. Mentre racconta la sua storia, non riesco ad osservare con attenzione i movimenti dei suoi occhi in quanto, disturbata dalla luce dell’ambulatorio, li teneva chiusi. Decido quindi, con l’aiuto di un’infermiera, di farla sdraiare sul lettino e le metto subito la mia mano dx sul suo torace e cerco di entrare in sintonia con la sua respirazione. Attendo meno di un minuto e le tocco con la mia mano sin il suo braccio destro ed in pochi istanti mi rendo conto che è perfettamente rilassata. L’infermiera di turno con me, comprendendo l’imminente “spettacolo” esce a chiamare un’altra collega che voleva assistere al trattamento. Nel frattempo, chiedo alla paziente di immaginarsi vicino alla porta dell’ambulatorio e di vedersi sdraiata sul lettino. Ci riesce. Le chiedo di rimpicciolire l’immagine e di allontanarla dolcemente e riferire l’effetto che fa sulla cefalea. Ci riesce, e dice di stare meglio. Non contento, gliela faccio rimpicciolire e allontanare ancora di più. Sta ancora meglio, e nel dirmelo, è stupita di quello che le sta capitando. Insisto e le chiedo di rimpicciolire e allontanare l’immagine sempre di più fino a farla svanire in un lampo di luce calda e bellissima. Ci riesce e improvvisamente apre gli occhi, si mette seduta sul lettino guardandosi stupita intorno. Dice di stare bene e continua a dirlo felice a se stessa. Si alza, sorride è felice. Continua a ripetere: “sto bene dottore, sto bene. Non ho più nulla!” In quel momento entrano le infermiere e non credono ai loro occhi. Quella povera ragazza era entrata in ambulatorio sofferente ed ora esce raggiante.

Ancora un caso trattato dal dott. Stefano
Questo è il mio primo caso che affronto e risolvo tra le mura di casa. L”altro giorno, mio figlio più grande, Luca, appena sveglio, mi riferisce un dolore violento all”inguine dx. Il dolore è forte e fastidioso al punto tale che zoppica nel camminare e soprattutto, grande fonte di dispiacere per lui, non sarebbe stato assolutamente in grado di fare la partita del campionato di pallacanestro prevista in serata. Su mia richiesta mi racconta che durante l”allenamento di pallacanestro di ieri sera, si è stirato a livello dell”inserzione prossimale del m. adduttore della coscia dx, ma da “caldo” il dolore era sopportabile e non ci aveva dato tanta importanza. Gli faccio assumere una compressa di paracetamolo per permettergli di andare a scuola e gli prometto che gli avrei risolto il problema dopo pranzo. Giunto il momento, svanito l”effetto del paracetamolo, faccio sdraiare a fatica Luca sul divano di casa. Eseguo una serie di test per valutare la motilità consentita alla coscia e mi riferisce che il dolore all”inguine è insopportabile soprattutto nei movimenti controresistenza in adduzione, ovviamente. Abbiamo a che fare con uno dei nemici peggiori di un atleta: la pubalgia! Non mi perdo d”animo e chiedo a mio figlio di non preoccuparsi e di rilassarsi dolcemente. Metto subito la mia mano dx sul suo torace e cerco di entrare in sintonia con la sua respirazione. Attendo qualche minuto e gli tocco con la mia mano sin il suo braccio destro e la fronte ed in pochi istanti mi rendo conto che è perfettamente rilassato. Gli dico di provare ad immaginarsi vicino alla porta della cucina e di vedersi sdraiato sul divano. Ci riesce, ma dice di fare fatica. Gli chiedo di rimpicciolire l”immagine e di allontanarla dolcemente e riferire l”effetto che fa sul dolore. Ci riesce, ma mi conferma che fa fatica e che preferirebbe immaginarsi di essere sul soffitto della stanza e di guardarsi dall”alto. Gli confermo che per me va bene e quindi di proseguire nell”esercizio di rimpicciolire e allontanare l”immagine di se sul divano ancora di più. Ci riesce senza difficoltà e dice di stare decisamente meglio, e nel dirmelo, il suo sguardo è decisamente stupito e incredulo. Insisto e gli chiedo di rimpicciolire e allontanare l”immagine sempre di più fino a farla svanire in una bolla di sapone profumata e colorata e, quando la bolla si rompe, di risvegliarsi e tornare tra noi senza fretta. In poco tempo apre gli occhi, si mette seduto sul lettino guardandosi intorno stupito. Non osa chiedere cosa e come sia potuto succedere, ma è felice perchè non ha più dolore. Eseguo di nuovo i test di valutazione muscolare e anche nei movimenti di adduzione controresistenza non avverte alcun dolore. In serata riesce a giocare la partita e non ha mai avuto alcun problema. …che soddisfazione!







Lascia un Commento

*