Homepage di Nienteansia.it

Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

[Citazione del momento]
La maggior parte degli uomini preferirebbe morire piuttosto che riflettere. In fondo è quello che fanno. Bertrand Russell
Viagra online

Le ossessioni nel D.O.C.

category Disturbi e patologie Dr.ssa Breschi Sara 11 Giugno 2009 | 5,981 letture | Stampa articolo |
0 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 5 (voti: 0 , media: 0.00 su 5)
Devi effettuare il login per votare.
Loading ... Loading ...

La presentazione clinica del DOC (Disturbo Ossessivo-Compulsivo) è caratterizzata da sottotipi fenomenologici basati sul contenuto delle ossessioni e delle compulsioni. I contenuti delle ossessioni e delle compulsioni sono strettamente legati alla cultura ed agli schemi comportamentali mutuati dal contesto sociale dell’individuo.

L’ossessione più comune riguarda il timore della contaminazione, seguita dal dubbio patologico, dal bisogno di simmetria, dall’ossessione a contenuto aggressivo sia auto che etero-diretto.

CONTAMINAZIONE

Molti di questi pensieri riguardano il timore della sporcizia, dei germi, delle secrezioni corporee. Spesso le persone esperiscono il timore di venire a contatto con oggetti contaminati per paura di poter contrarre una malattia. Alcune volte la paura di contaminazione non scaturisce dal timore di ammalarsi, ma da una sensazione di sentirsi sporchi avvertita con intenso disagio soggettivo.

Molte persone con idee di contaminazione adottano condotte di evitamento attivo nei confronti degli stimoli fobici oppure mettono in atto compulsioni specifiche: lavarsi continuamente, ad esempio, è la compulsione più frequentemente associata alle ossessioni di contaminazione.

Questi comportamenti sono di solito conseguenti al contatto con l’oggetto da evitare, talvolta basta essere soltanto prossimi a tale oggetto, senza un contatto fisico reale, perché si esperisca ansia e si mettano in atto compulsioni di lavaggio.

DUBBIO PATOLOGICO

I soggetti con DOC e dubbio patologico sono assillati dal timore che, a causa di loro mancanze, possano essere responsabili di eventi catastrofici.

Queste persone non riescono a scacciare il dubbio “cosa succederà se..?” ed il relativo disagio indotto da tale incertezza induce la messa in atto di comportamenti compulsivi di controllo: ad esempio, aver chiuso la porta, aver spento il gas, aver pagato una bolletta, ecc.

Alcune persone arrivano a dubitare della correttezza delle proprie stesse percezioni.

BISOGNO DI SIMMETRIA

Necessità di ordine, di sistemare gli oggetti secondo rigidi schemi o regole, di attuare comportamenti o modalità d’azione simmetrici.

Queste persone riferiscono la necessità di svolgere le loro azioni più volte, dal momento che solo questa coazione a ripetere può rassicurarli che la loro azione è stata condotta in maniera “perfetta”.

Gli individui con un impellente bisogno di simmetria possono esperire ansia a differenti livelli di gravità, fino ad un disagio intenso ed invalidante, se non riescono a ripetere i loro comportamenti o ad ordinare gli oggetti secondo i loro schemi preordinati.

OSSESSIONI SOMATICHE

Intenso timore di poter contrarre una malattia oppure preoccupazione eccessiva rispetto all’aspetto fisico.

L’ideazione ossessiva è spesso accompagnata da rituali compulsivi centrati sul continuo controllo di quella parte del corpo che viene ritenuta dall’individuo come a rischio di malattia o come fonte di preoccupazione eccessiva.

È opportuno differenziare queste ossessioni somatiche dalle idee ipocondriache o dismorfofobiche.

OSSESSIONI SESSUALI ED AGGRESSIVE

Gli individui che esperiscono idee ossessive a contenuto sessuale ed aggressivo vivono nel timore di poter far del male a qualcuno o di poter commettere atti di libidine inaccettabili come molestie sessuali.

L’orrore e la repulsione verso le immagini intrusive a contenuto sessuale o aggressivo sono reazioni emotive tipiche di questi pazienti.







1 Commento a “Le ossessioni nel D.O.C.”

  1. Dott.ssa Monica Cappello

    Molto chiaro l’articolo di Sara Breschi…Il disturbo ossessivo-compulsivo è molto difficile da gestire ed il paziente soffre molto, perchè non riesce a controllare le ossessioni e le compulsioni. Ha sicuramente bisogno dell’aiuto di uno psicologo esperto.

    Dott.ssa MONICA CAPPELLO
    Psicologa – Consulente in Sessuologia
    Torino

Lascia un Commento

*