Homepage di Nienteansia.it

Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

[Citazione del momento]
Non piangere per chi non merita il tuo sorriso. Jim Morrison
Viagra online

Archivio Autore

Panico, attacchi di panico, disturbo da panico

category Disturbi e patologie Giuliana Dughiero 1 Dicembre 2010 | Stampa articolo |
0 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 5 (voti: 0 , media: 0.00 su 5)
Devi effettuare il login per votare.
Loading ... Loading ...

Improvvisamente è come se le cose e le persone diventassero strane, sconosciute… come se io fossi nel posto sbagliato al momento sbagliato e tutto è strano e lontano, come se io mi distaccassi da me e dagli altri. Contemporaneamente provo un senso di terrore, la sensazione che stia accadendo qualcosa di terribile, sento un gran caldo e inizio a sudare, il cuore batte fortissimo e sento che non posso salvarmi, scappare, è come se avessi la certezza che sto per morire, altre volte ho paura di impazzire, penso: “sto impazzendo, sto diventando matta”…”

Il termine “attacco di panico” deriva dalla mitologia greca la quale narra di un dio di nome Pan, dall’aspetto ripugnante per metà uomo e metà animale dal pelo ispido, zanne ingiallite, barba, corna e zoccoli caprini. Egli innamoratosi della bella Siringa, figlia del dio Ladone, cercò di conquistare il suo amore ma venne rifiutato dalla ninfa terrorizzata dal suo aspetto caprino. Siringa, chiese al padre di mutare il suo aspetto allo scopo di non essere più riconosciuta ed inseguita da Pan e fu così tramutata in canna in una palude. Pan raccolse alcune canne, ne tagliò di diverse lunghezze e le legò formando uno strumento musicale (il flauto di pan), da allora egli si aggirò sempre nei pressi delle selve e tra i boschi scuri terrorizzando i viandanti con fruscii e sordi rumori: da qui il termine “panico” o “timor panico”.

( Continua … )

Corpo e mente in psicoterapia: psicosomatica ed integrazione psicofisica

category Psicoterapia Giuliana Dughiero 8 Agosto 2009 | Stampa articolo |
0 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 5 (voti: 0 , media: 0.00 su 5)
Devi effettuare il login per votare.
Loading ... Loading ...

L’organismo è un sistema olistico (olos dal greco “tutto intero”) che dinamicamente incontra  il mondo coinvolgendo ogni entità: la mente, il corpo, le emozioni, le sensazioni fisiche co-partecipano inevitabilmente a costruire l’esperienza stessa ed il suo universo di senso, esso non è una macchina composta da diverse componenti funzionali indipendenti.

Per K. Dychtwald lo psicosoma “è il prodotto continuamente rigenerato di una vita di incontri emotivi, di attività psicologiche e di preferenze psicosomatiche”: il modo in cui l’organismo incontra l’esperienza ed il vissuto emotivo plasma non solo la mente ma anche il tessuto e la struttura corporea.

Allo stesso modo una determinata abitudine posturale o uno stato mio-tensivo cronico possono determinare l’instaurarsi di una comportamento psico-emotivo e/o di una risposta psicologica specifica che cristallizzandosi rinforzeranno quello specifico schema dando luogo ad un circolo vizioso che si autoalimenta.

Il nostro corpo è il frutto di svariati fattori: ereditari, cinetici (movimento ed attività fisica), emotivi, alimentari ed ambientali, in altri termini ciò che facciamo, come lo facciamo e con quale vissuto emotivo, le nostre scelte psicologiche, il nostro stile di vita e l’immagine che abbiamo di noi stessi plasmano dinamicamente i tessuti e la struttura del nostro corpo.

Nella cultura occidentale la mente ed il corpo sono sempre stati considerati agli antipodi di un dualismo storico.

A causa di questa scissione il nostro organismo si trova spesso a dover gestire messaggi contrastanti provenienti dal corpo e dalla mente: l’inconciliabilità di tali entità, dovuta alla nostra cultura, è spesso origine e causa di numerosi conflitti interni che talvolta danno origine a sintomi somatici altre volte a disagi o disturbi psichici, emotivi o comportamentali. ( Continua … )