Homepage di Nienteansia.it

Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

[Citazione del momento]
Un nonnulla ci consola perchè un nonnulla basta ad affliggerci. Blaise Pascal
Viagra online

Quel peso sul petto: cos’è il senso di colpa e come gestirlo

category Atri argomenti Annalisa Sammaciccio 30 Ottobre 2014 | 1,514 letture | Stampa articolo |
0 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 5 (voti: 0 , media: 0.00 su 5)
Devi effettuare il login per votare.
Loading ... Loading ...

L’articolo si propone come un viaggio alla scoperta dei meccanismi psicologici che creano il “ricatto morale”, e il senso di colpa, per trovare strategie che ci permettano di costruire nuove relazioni sane, non solo con chi ci “aggancia” nel senso di colpa, ma anche con noi stessi.

Colpa, dal greco amartia significa mancare il bersaglio. Fare ciò che non si voleva.

Non dovevo fare ciò che ho fatto e siccome l’ho fatto non me lo posso perdonare e non merito più nulla di buono”, questa potrebbe essere una tipica frase o un tipico pensiero che sperimenta la persona che si sente in colpa, nel suo dialogo interno.
Il senso di colpa è qualcosa di molto profondo, a volte un modo di “sentire” molto doloroso che spesso arriva a determinare le nostre azioni, le nostre scelte, la nostra vita.

Il senso di colpa è una emozione, e in quanto tale ha una funzione per così dire di segnale, in quanto permette di contenere le pulsioni distruttive e di prendere coscienza della sofferenza dell’altro.
In particolare, mette in guardia qualora si stiano oltrepassando i limiti, costringe ad una messa in discussione e ad un’assunzione di responsabilità. Quindi, il senso di colpa, seppur causando una spiacevole sensazione di tipo emotivo e spesso somatico, ha una sua funzione, all’interno della nostra economia psichica, anche positiva, se sfruttata per renderci consapevoli di qualcosa che non va.

E’ possibile quindi far fronte a quella tipica tendenza di andar consumando il nostro presente, assorbiti da quella sensazione, senza per questo poter far più nulla di buono, per noi e per gli altri.

La prima cosa da fare per poter tenere sotto controllo le emozioni spiacevoli derivate dal senso di colpa (che spesso sono diverse: rabbia, frustrazione, preoccupazione, tristezza, disperazione…) è conoscerlo, e capire cosa esso sia in generale, e poi per ciascuno di noi, dato che si tratta di un sentimento che ha a che fare con messaggi inconsci che ci sono arrivati nel corso della nostra vita, sin da piccolissimi, e di cui non possiamo essere pienamente consapevoli.

Per conoscere da cosa si origina il senso di colpa, le diverse tipologie di senso di colpa esistenti, nonchè le strategie di pensiero attuabili per poterlo superare, rimando all’articolo completo sul seguente link

 







1 Commento a “Quel peso sul petto: cos’è il senso di colpa e come gestirlo”

  1. Psicologa Padova

    Un ottimo intervento della collega, complimenti.

Lascia un Commento

*