Homepage di Nienteansia.it

Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

[Citazione del momento]
Due visi somiglianti, nessuno dei quali da solo fa ridere, fanno ridere insieme per la loro somiglianza. Blaise Pascal
Viagra online

Ansia: 9 cose da sapere per viverla meglio

category Atri argomenti Laura Barbera 30 Maggio 2012 | 1,939 letture | Stampa articolo |
0 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 5 (voti: 0 , media: 0.00 su 5)
Devi effettuare il login per votare.
Loading ... Loading ...

1.      L’ansia è di per sé un’emozione positiva poiché ci permette di essere vigili quando per esempio guidiamo; oppure di rimanere in allerta quando affrontiamo una situazione che può essere pericolosa per la nostra vita; ci aiuta a migliorare le proprie performance sia quando dobbiamo parlare in pubblico che quando dobbiamo affrontare una gara di atletica.  Quando però l’intensità dell’ansia è troppo elevata, crea un effetto contrario, ovvero di paralisi o di fuga dalla situazione,  producendo, per esempio, una performance insufficiente.

2.      L’ansia, nella sua attivazione, segue sempre una curva che sale fino ad un certo punto e scende dopo un po’ di tempo in maniera naturale; passa da sola senza dover far nulla.

3.      Le sensazioni corporee tipiche dell’ansia sono: il battito cardiaco accelerato, la sensazione di mancanza di ossigeno, sudorazione, vampate di calore, vertigine e sensazione di sbandamento, tremori, nausea. Tutte reazioni fisiologiche che stanno ad indicare che il nostro corpo si sta preparando a scappare dalla situazione che avvertiamo come pericolosa. State tranquilli, non si tratta di infarto!4.      Soffermarsi sulle sensazioni corporee ascoltando attentamente ogni singola percezione, non fa altro che aumentare lo stato di ansia  acuendone i sintomi. In questi casi è opportuno distrarsi dall’ansia mettendo in atto tutte le tecniche di distrazione che conosciamo: per esempio concentrarsi sui particolari e i dettagli di ciò che ci circonda, magari descrivendoli a voce alta. Questo può far passare più velocemente il momento in cui si prova ansia, facendoci sentire meglio in poco tempo.

5.      E’ importante dare un significato e un senso all’ansia che proviamo. Bisogna imparare ad osservarla nei suoi momenti massimi e minimi cercando di capire quali sono le situazioni e i pensieri  che la fanno aumentare e quelle che la fanno diminuire.

6.      Bisogna imparare ad agire insieme all’ansia, cercando di vivere la situazione come normale. Fuggire potrebbe far diminuire  l’ansia al momento, ma sicuramente il disturbo peggiorerà. Allora, quando sentiamo di avere una forte ansia, bisogna continuare  a fare ciò che si stava facendo, magari rallentandone il ritmo, perché in questo modo l’ansia e la paura si abbasseranno da sole e in poco tempo

7.      Bisogna imparare ad accettare l’ansia, non combatterla, perché fa parte di noi, vivrà insieme a noi. Altrimenti sarebbe come combattere contro se stessi. Rimanere ad osservarla e ad accettarla è il modo più veloce per farla scomparire. Aspettandoci nel futuro di provare nuovamente ansia, è il passo giusto per poterla accettare quando verrà di nuovo

8.      Le situazioni difficili vanno affrontate a piccoli passi, ponendosi piccoli obiettivi. Soprattutto le situazioni in cui avvertiamo di avere paura, devono essere affrontate gradualmente, senza fretta.  Raggiungere gli obiettivi poco alla volta aumenta il nostro senso di efficacia e la nostra autostima.

9.      Affrontare costantemente e ripetutamente situazioni che adesso non ci provocano più ansia, rafforza la nostra sensazione di essere capaci di affrontarla.

 

 

Dott.ssa Laura Barbera

Psicologa Firenze

www.psicologafirenzebarbera.it

Email: laura_barbera [@] hotmail [.] it







Lascia un Commento

*