Homepage di Nienteansia.it

Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

[Citazione del momento]
La paura bussò alla porta. La fede andò ad aprire. Non trovò nessuno. Martin Luther King
Viagra online

ADOLESCENTI E DIPENDENZE: nuovi spunti e riflessioni nel manuale “Psicologia delle Tossicodipendenze”

category Atri argomenti Carmela Giordano 17 Settembre 2013 | 2,141 letture | Stampa articolo |
0 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 5 (voti: 0 , media: 0.00 su 5)
Devi effettuare il login per votare.
Loading ... Loading ...

Psicologia delle Tossicodipendenze
Edito dalla Piccin Nuova Libraria, del prof. Massimo Canu.

 

La metamorfosi è la metafora dell’adolescenza.

La metamorfosi è un cambiamento radicale, profondo, che coinvolge il corpo, la sfera emotiva, le idee, gli atteggiamenti, le azioni, l’individuo nel suo insieme.

L’adolescenza è spesso considerata come “un’età incerta”, perché si procede attraverso progressioni e regressioni, avendo l’impressione di non muoversi, mentre in realtà si stanno elaborando personali strategie di crescita; come “un’età sospesa”, perché caratterizzata da una condizione di indeterminatezza e sospensione tra il mondo dei bambini, a cui non si appartiene più, e il mondo degli adulti, a cui di fatto non si partecipa ancora.

È a causa di questa condizione di “inconsistenza sociale”, ricca tuttavia di opportunità in quanto offre uno spazio di preparazione e di prova, che, per una strana proprietà transitiva, quando ci si riferisce all’adolescenza si fa anche riferimento al disagio, al pericolo, al rischio e ai comportamenti devianti.

La nostra società sta evolvendo e cambiando rapidamente, creando una nuova cornice e fornendo nuove chiavi di lettura dell’adolescenza e dei rischi ad essa connessi, primo tra tutti il problema delle dipendenze.

Proprio per questo non bisogna fermare la ricerca e non bisogna smettere di sensibilizzare addetti ai lavori, ma anche le famiglie, la scuola ed i ragazzi stessi su un tale importante e, sempre più in incremento, fenomeno.

La ricerca “Minerva” è stata progettata e condotta dall’Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze, Istituzione di Roma Capitale, su un campione di 6000 adolescenti tra i 13 e i 18 anni, al fine di esplorare le conoscenze, le rappresentazioni e i comportamenti dei giovani in relazione al tabacco, all’alcool, alle sostanze stupefacenti, facendo emergere dati che segnalano la coesistenza tra forme diverse di “addiction” e la presenza di quella che viene definita “rete di dipendenza”, che implica il consumo combinato di diverse sostanze dannose per lo sviluppo e, troppe volte, letali per la salute.

I risultati di tale ricerca sono stati raccolti e pubblicati da un gruppo di psicologi ed educatori, con esperienza consolidata nel campo della ricerca e dell’intervento, sotto la guida del Prof. Massimo Canu, Direttore dell’Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze e Docente di Psicologia delle Tossicodipendenze presso la Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università “Sapienza” di Roma, in un nuovo manuale dal titolo “Psicologia delle Tossicodipendenze”, edito dalla Piccin Nuova Libraria.

L’intento degli autori è quello di rinnovare l’attenzione sul tema delle dipendenze, offrendo un quadro completo ed ampio della documentazione nazionale ed internazionale, una lettura psicologica e una chiara disamina del fenomeno, una visione delle possibili attività di prevenzione, tra cui particolare attenzione è rivolta alle strategie di “peer education”.

È sempre più importante, infatti, far leva sul gruppo, considerandolo come un’esauribile centro di informazioni e di comportamenti, implementando la comunicazione mirata tra coetaneo e coetaneo e promuovendo l’instaurarsi di un rapporto di educazione reciproca.

La lettura di questo manuale, i cui risultati di ricerca provengono direttamente dalla “voce degli adolescenti”, permette di attuare un avanzamento nel divario tra mondo adulto e mondo giovanile e fornisce la possibilità di una maggiore comprensione di dinamiche che, troppo spesso, vengono risolte con un’etichetta di “incomprensibilità generazionale”.

 


Carmela Giordano

Psicologa – psicoterapeuta, esperta in psicodiagnosi

Insegnante e Socia A.I.M.I., Associazione Italiana Massaggio Infantile

carmengiordano [.] psy [@] gmail [.] com







Lascia un Commento

*